Lo “spirito di Assisi” non è sincretismo, chiarisce il Papa

Nel suo pellegrinaggio alla tomba di San Francesco

| 600 hits

ASSISI, lunedì, 18 giugno 2007 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ha chiarito ad Assisi che lo spirito di pace tra le religioni promosso da San Francesco e Giovanni Paolo II non è sincretismo religioso.



È un messaggio centrale del suo pellegrinaggio di domenica alla tomba del Santo nell’ottavo centenario della sua conversione.

“Non posso dimenticare, nell’odierno contesto, l’iniziativa del mio Predecessore di santa memoria, Giovanni Paolo II, il quale volle riunire qui, nel 1986, i rappresentanti delle confessioni cristiane e delle diverse religioni del mondo, per un incontro di preghiera per la pace”, ha detto Benedetto XVI alla fine dell’omelia della Messa celebrata nella piazza inferiore di San Francesco.

«Fu un’intuizione profetica e un momento di grazia, come ho ribadito alcuni mesi or sono nella mia lettera al Vescovo di questa Città in occasione del ventesimo anniversario di quell’evento”.

“La scelta di celebrare quell’incontro ad Assisi era suggerita proprio dalla testimonianza di Francesco come uomo di pace, al quale tanti guardano con simpatia anche da altre posizioni culturali e religiose”.

“Al tempo stesso, la luce del Poverello su quell’iniziativa era una garanzia di autenticità cristiana, giacché la sua vita e il suo messaggio poggiano così visibilmente sulla scelta di Cristo, da respingere a priori qualunque tentazione di indifferentismo religioso, che nulla avrebbe a che vedere con l’autentico dialogo interreligioso”, ha proseguito.

“Lo ‘spirito di Assisi’, che da quell’evento continua a diffondersi nel mondo, si oppone allo spirito di violenza, all’abuso della religione come pretesto per la violenza”.

Assisi, ha ricordato il Pontefice, “ci dice che la fedeltà alla propria convinzione religiosa, la fedeltà soprattutto a Cristo crocifisso e risorto non si esprime in violenza e intolleranza, ma nel sincero rispetto dell’altro, nel dialogo, in un annuncio che fa appello alla libertà e alla ragione, nell’impegno per la pace e per la riconciliazione”.

“Non potrebbe essere atteggiamento evangelico, né francescano, il non riuscire a coniugare l’accoglienza, il dialogo e il rispetto per tutti con la certezza di fede che ogni cristiano, al pari del Santo di Assisi, è tenuto a coltivare, annunciando Cristo come via, verità e vita dell’uomo (cfr Gv 14,6), unico Salvatore del mondo”.