Marcello Pera: il mio amico Joseph Ratzinger (Prima parte)

Ampia intervista all'ex-presidente del Senato italiano su origini, sviluppo e persistenza dell'amicizia con l'attuale Papa emerito, sull'Europa e il relativismo

Roma, (Zenit.org) Giuseppe Rusconi | 584 hits

Chi è Marcello Pera? 71enne filosofo e politico italiano, è noto per l’amicizia nata nel periodo di presidenza del Senato (2001-2006) con l’allora cardinale Joseph Ratzinger. Amicizia che persiste e che si è tradotta in un incontro, in questo mese di giugno, presso il Monastero Mater Ecclesiae dentro il Vaticano, dove il Papa emerito ha scelto di vivere. Amicizia tra un non-credente e un credente, ambedue preoccupati per un’Europa che misconosce la sua ‘anima’ cristiana, essendo ormai alla deriva nel gran mare relativista. La collaborazione reciproca si è espressa soprattutto in tre saggi: Senza radici (2004, Mondadori), L’Europa di Benedetto (2005, Cantagalli, di Joseph Ratzinger con introduzione di Pera), Perché dobbiamo dirci cristiani (2008, Mondadori, di Marcello Pera con lettera introduttiva di Benedetto XVI). Abbiamo incontrato Pera a Roma, al primo piano di Palazzo Giustiniani, nell’ampio ufficio che gli è assegnato come presidente emerito del Senato. E con lui abbiamo parlato dell’origine e dello sviluppo di questo rapporto, dei suoi contenuti, della rinuncia al Papato del suo interlocutore, della triste condizione odierna dell’Europa politica e culturale...

*** 

Senatore Pera, come ha conosciuto il cardinale Joseph Ratzinger?

Sen. Pera: Andai a trovarlo nel suo ufficio di Prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede, essendo stato impressionato da molti suoi scritti. Mi aveva colpito in particolare il suo libro Fede, verità, tolleranza. Non pensavo che il relativismo fosse penetrato anche in alcuni settori della teologia cristiana e lui mi illuminò e mi preoccupò. Se anche i cristiani rinunciano all'idea di verità, a che cosa più si riduce la nostra religione? E poi: quali conseguenze ha per la nostra identità un cristianesimo circoscritto solo ad una “narrativa”, come oggi si dice, buona quanto qualunque altra?

Che cosa l’ha colpita subito del cardinale?    

Sen. Pera: L’uomo e l’intellettuale. Avvertii subito una personalità del massimo livello. Lucido, chiaro, diretto, con un pensiero sistematico e molto articolato. Considera con attenzione e rispetto il suo interlocutore e non si nasconde alcun problema. Parla laicamente, come scrive, non per omelie o catechismo, ma per concetti e ragionamenti rigorosi. Ascolta le domande e non si sottrae a nessuna difficoltà. Mi sono sempre sentito a mio agio, come davanti ad un maestro. In vita mia, ne ho conosciuti alcuni di prima grandezza, come Popper, e lui è uno di quelli. Non è solo un teologo, ma un grande filosofo, aperto, critico, profondo, e con una vasta cultura in molti settori. E ha una dote personale che solo i grandi posseggono: è dotato di modestia intellettuale, che gli consente di sposare lo spirito critico e anche autocritico con la verità in cui crede. C’è poi l’aspetto personale: è cortese, disponibile, attento, scrupoloso. E soprattutto franco. Posso dire che, appena cominciammo a parlare della questione del relativismo, che era l’oggetto del mio primo interesse per lui, io osservai con cautela che a me sembrava che occorresse da parte della Chiesa più forza di reazione. Lui mi stupì perché mi rispose: “Molti nostri vescovi mancano di coraggio”. Io lo pensavo, ma lui lo disse.

Come si sono sviluppati i rapporti tra voi?

Sen. Pera: Ci siamo rivisti più volte, mai discutendo di questioni politiche in senso stretto. Un tema allora all’ordine del giorno anche in parlamento era l’Europa. E un giorno, proprio sulla situazione culturale e spirituale dell’Europa, lo invitai a tenere una conferenza presso la biblioteca del Senato. E’ così che nacque Senza radici: una conversazione non più privata, ma pubblica e scritta.

Quali i temi su cui vi siete trovati in consonanza?

Sen. Pera: Oltre all’Europa, il rapporto fra laici e credenti. Anche questo è un tratto caratteristico del lavoro di Ratzinger: parlare con i laici e sfidarli. Su tutte, la domanda per il laico è: su che cosa fonda quei valori a cui lui dice di essere particolarmente legato? In che modo li argomenta e difende, oggi che sono attaccati dall’interno e dall’esterno? Conosciamo la risposta, che è sempre la stessa dall’Illuminismo in poi: la ragione. Già, ma che cosa offre la ragione quando in discussione è proprio la ragione stessa? Non basta dire “dialogo”, come non solo i laici, ma anche tanta parte della Chiesa oggi dice: il dialogo non è un dialogo se non esiste un criterio per dialogare. Questo criterio è costruito dalla ragione o la ragione lo scopre? E se lo scopre, in che modo? Con un’illuminazione? E’ su questo punto che Ratzinger, che pure è tanto amante della ragione come l’ultimo dei laici, porta il terreno della discussione sulla verità. E così si torna ai limiti del relativismo. Problemi affascinanti, e della massima attualità politica, anche se apparentemente non sembra.

I rapporti sono proseguiti anche quando Joseph Ratzinger è divenuto Papa? Con quali modalità?

Sen. Pera: Sì, ci siamo visti anche dopo, e sono continuati nel tempo. Lo ringrazio ancora e gli sarò sempre debitore per le occasioni di incontri riservati che mi ha concesso. Non era facile per lui, ma è sempre stato generoso di sé. Non lo dimenticherò mai. Così come non dimenticherò mai la prefazione che egli volle scrivere al mio libro Perché dobbiamo dirci cristiani. Sono un paio di pagine, ma se uno le legge con attenzione ci può trovare un tesoro.

La rinuncia di papa Ratzinger l’ha sorpresa, colpita? La ritiene un atto razionale? Secondo Lei quali le conseguenze principali di tale atto?

Sen. Pera: Mi ha amareggiato, ma non sorpreso. Non ci si sorprende quando uno diventa vecchio o perde le energie, al più ci si rammarica. Ma ho capito il suo gesto, o ho ritenuto di capirlo. È come se si fosse rivolto in ginocchio al Signore e avesse detto. “Signore che cosa vuoi da me? Come posso servirti, ora che le mie forze diventano impari? In quale altro modo posso portare la tua Croce e soddisfare le esigenze che mi hai posto sulle spalle?”. Molti, anche nella Chiesa, stentano a farsi una ragione della sua rinuncia, e io comprendo anche loro. Ma mi sembra una pigrizia intellettuale: siccome non si è mai fatto, non può farlo neppure lui. Questa pigrizia può diventare arroganza, bisogna invece che si trasformi in un atto di fede, come lo è stato per Benedetto XVI. Quanto alle conseguenze, non se ne può parlare, semplicemente perché quello del Papa è stato un atto profetico, e la profezia non si misura con i calcoli del tempo breve. E’ un disegno di Dio.

Lei ha ancora rapporti con il Papa emerito? Come si configurano?

Sen. Pera: Sì, lo vedo ancora, e per me è una grande gioia, una benedizione. Il nostro dialogo e la nostra comunione intellettuale continuano. E mi fa un immenso piacere vederlo nel suo appartamento e scambiare opinioni con lui. Ha la stessa lucidità intellettuale di sempre.

La vostra amicizia è tra l’altro molto ben espressa dal già citato Senza radici, il saggio di dieci anni fa con contributi alterni su Europa, relativismo, cristianesimo e islam. Da quel 2004 è cambiato qualcosa sotto questi aspetti in Europa? In meglio? In peggio? 

Sen. Pera: È cambiata in particolare una cosa: l’islam, i rapporti fra le culture, l’identità europea, il ruolo del cristianesimo, non si discute più, né nel mondo politico, né in quello della Chiesa. Ha prevalso la paura, la mancanza di coraggio. Si gira la testa e si tira avanti, come se nascondere i problemi contribuisse a risolverli. E questo proprio mentre, per merito soprattutto di Benedetto XVI, gli stessi Capi di governo europei avevano cominciato a interrogarsi. Ricorda il laico Sarkozy venire a Roma e dire che la Francia è una nazione cristiana e che la laicità non è antireligiosa? Magari non ci credeva sinceramente, ma intanto poneva il tema. Oggi nessuno dice più neppure cose simili: si teme di sconvolgere il dialogo, che significa incontro fra muti, o più precisamente incontro fra chiunque abbia un’opinione forte di sé e parli e gridi e l’Occidente che non ne ha e non vuole averne nessuna, e perciò sta zitto. Non si scandalizza neppure più del martirio crescente dei cristiani nel mondo.

Fonte: Rossoporpora

[La seconda parte dell'intervista verrà pubblicata domani venerdì 20 giugno 2014]