Medjugorje chiama "Uno di Noi"... "Uno di Noi" risponde

L'iniziativa dei cittadini europei "Uno di noi" invitato speciale al Mladifest di Medjugorje

Roma, (Zenit.org) Elisabetta Pittino | 525 hits

Uno di Noi è giovane, giovanissimo, ha appena iniziato il suo percorso di vita terrena nella pancia della mamma….a buon diritto è “invitato speciale” al Festival dei Giovani, Mladifest, di Medjugorje.

Il Festival, alla sua 24esima edizione, si volgerà dal primo al sei agosto. La Parrocchia di Medjugorje si prepara ad accogliere migliaia di giovani provenienti da tutto il mondo.

L’iniziativa dei cittadini europei “Uno di noi” per far riconoscere la persona fin dal concepimento, vietando che l’Unione europea usi i fondi europei per sostenere associazioni che promuovono l’aborto e ricerche mediche che violino la dignità dei nascituri sarà presente a Medjugorje per la seconda volta.

Lo scorso anno in occasione del Mladifest, erano state raccolte 4.000 firme.

Si era all’inizio della raccolta firme.

Da allora “Uno di noi” è cresciuta assai. Attualmente le firme raccolte sono 819.000, sono 28 i paesi della UE che hanno aderito all’iniziativa, ed è evidente come i promotori ed i sottoscrittori dell’iniziativa godano della benedizione della vergine Maria.

Il Responsabile del Mladifest di Medjugorje, padre Danko Perutina, ha accolto e benedetto i volontari di “Uno di noi”.

Padre Danko ha informato tutte le guide accreditate presso la parrocchia della presenza di “Uno di Noi”. Le guide sono state incaricate delle distribuzione del materiale cartaceo.

Sono stati già distribuiti volantini informativi alle varie case di accoglienza di Medjugorje, tra cui la Comunità delle Beatitudini di Suor Emanuel Maillard.

Durante il Festival padre Danko presenterà “Uno di Noi”, leggerà un messaggio ufficiale in 8 lingue comunitarie (in inglese, francese, croato, tedesco, polacco, spagnolo italiano e ungherese) e inviterà tutti a firmare e a far firmare.

Allo scopo saranno organizzati degli spazi per la raccolta di adesioni in prossimità dell’area Festival e presso alcune Comunità che svolgono lavoro di assistenza umanitaria.

Se andate a Medjugorje troverete banchetti con volontari che parlano varie lingue e con materiale informativo presso:

Casa “Cuore Immacolato di Maria" - Centro di Accoglienza del Pellegrino, a ridosso dell'area del Festival, riconoscibile grazie ad un grande striscione;

Comunità cenacolo di Suor Elvira Tel ++387 366 517 56;

Majcino selo (Villaggio della Madre – Mother Village) 88266 Bijakovići – Međugorje, BiH.

Tutti i cittadini dei 28 paesi dell’Unione Europea possono firmare. Nei banchetti troveranno i moduli nelle differenti lingue. Per firmare è necessario avere diritto di voto e per alcuni paesi (non per tutti) è richiesto il documento di identità. E’ possibile firmare una volta sola o on line o sul modulo cartaceo.

Il materiale sta girando online fra guide e accompagnatori che si sono già dotati del modulo cartaceo.

Per l’ottimo lavoro organizzativo sono da ringraziare i componenti dell’equipe italiana, guidata da Maria Luisa Ranallo, con Marsha Bruno, Valter Boero, Paola Musso, membri del direttivo nazionale del MPV e Benedetta Foà, psicologa del post aborto, che ha coinvolto l’equipe croata, guidata da Marjio Zivkovic.

Per informazioni e per chi volesse aiutare rivolgersi a:

Luisaranallo,+393391285365

familycenterzagreb@gmail.com

“Uno di noi",

Non è solo una raccolta firme non è solo una iniziativa come tante altre, non è una firma che mi dimentico di avere fatto.

"Uno di noi" è il futuro, è il nostro futuro è il futuro per milioni di altri esseri umani, nostri fratelli.

"Uno di noi" è essere nel mondo consapevoli di esserci, è vivere da adulti e cristiani consapevoli, è rispondere alla chiamata della vita.

Per gli italiani che intendono firmare online http://www.oneofus.eu/it/