Mobiltazione dei giovani per l'Anno della fede e la GMG di Rio

La Conferenza Episcopale Polacca invita la gioventù a prepararsi ai grandi appuntamenti

| 862 hits

di don Mariusz Frukacz

VARSAVIA, domenica, 24 giugno 2012 (ZENIT.org).- L'Anno della Fede, il Messaggio ai popoli della Russia e della Polonia, la situazione dei media cattolici, TV Trwam e la catechesi nella scuola, sono stati i temi principali della 358a riunione plenaria della Conferenza Episcopale Polacca, che si e’ svolta dal 21 al 23 giugno 2012 a Wrocław.

Alla riunione presieduta da Mons. Józef Michalik, presidente della Conferenza Episcopale Polacca, ha partecipato anche il Nunzio Apostolico in Polonia, l'arcivescovo Celestino Migliore.

Nel Comunicato finale, “I vescovi incoraggiano i giovani a impegnarsi in iniziative evangelizzatrici riguardanti l'Anno della Fede e della Giornata Mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro nel 2013”.

I vescovi sottolineano l’importanza dell’iniziativa ricordando le parole di Benedetto XVI “In questo Anno i fedeli possono riscoprire i contenuti della fede professata, celebrata, vissuta e pregata, e riflettere sullo stesso atto” (da Porta Fidei, n. 9)

Uno dei temi sollevati dai vescovi riuniti ai ​​Wroclaw è stato quello del messaggio comune ai popoli della Russia e della Polonia da parte della Chiesa cattolica in Polonia e dal Patriarcato di Mosca, che sarà firmato il 17 agosto a Varsavia.

Come riportato dalla KAI (Agenzia di Informazioni cattolica in Polonia), il documento sarà firmato dall'arcivescovo Józef Michalik, presidente della Conferenza Episcopale Polacca e dal patriarca Kirill, capo della Chiesa ortodossa russa.

Il Patriarca di Mosca e di Tutte le Russie sarà in visita in Polonia dal 16 al 19 agosto. E’ la prima volta nella storia del cristianesimo in Polonia che il capo della Chiesa Ortodossa Russa visita la Polonia.

Secondo quanto scritto dalla KAI, l’arcivescovo Józef Michalik presidente della Conferenza Episcopale Polacca, aspetta congrande speranza il messagio cattolico- ortodosso sulla riconciliazione dei popoli.

"Questo messaggio - ha detto a KAI don Józef Kloch, il portavoce della Conferenza Episcopale Polacca - è qualcosa di cruciale".

Anche il “Comunicato della Conferenza Episcopale Polacca” sottolinea che “per molti anni c'è stata un buon dialogo tra la Chiesa Ortodossa Russa e la Chiesa Cattolica in Polonia. Lo scopo è quello di portare alla riconciliazione le nostre chiese e le nazioni”.

Nella stessa riunione plenaria la Conferenza Episcopale Polacca ha discusso in merito all’Istruzione delMinistero della Pubblica Istruzione per inserire la religione e l’etica come materie di istruzione scolastica.

A questo proposito i Vescovi ribadiscono la necessità di applicazione rapida del regolamento.

A Wrocław i vescovi polacchi discusso anche della situazione dei mezzi di comunicazione in Polonia e sopratutto del tentativo di escludere dalla piattaforma digitale la TV Trwam.

In merito all’esclusione della TV cattolica i Vescovi invitano “il governo a sviluppare le soluzioni giuridiche che assicurino la missione di servizio pubblico della televisione e della radio per il bene di tutti i destinatari”.

E per questo motivo “chiedono il trattamento dei media cattolici alla pari con gli altri, nel processo di rilascio della concessione su digitale multiplex, e soppratutto per la TV Trwam”.

Dopo aver sentito la relazione sul VII Incontro Mondiale delle Famiglie che si è svolto a Milano la Conferenza Episcopale Polacca ha dedicato particolare attenzione all’appello del Pontefice sulla presenza nella Chiesa di persone che vivono in unione nonsacramentale, “che dovrebbero vedere e sentire l'amore della Chiesa.”

In merito alla situazione delle famiglie i vescovi si sono detti particolarmente preoccupati dal crollo demografico, per questo nel comunicato finale “incoraggiano i credenti e non credenti, parlamentari e autorità locali, adulti e giovani a difendere la vita dal concepimento alla morte naturale”.

Le Marce in difesa della vita e le preghiere possono essere un valido aiuto per il rispetto dei valori nazionali su cui la tradizione europea per migliaia di anni ha costruito la famiglia.

Secondo i Vescovi polacchi “la famiglia si sveglia con la vita, sviluppa l'uomo e matura la fede e l'amore di Patria. La famiglia è il fondamento di una società sana e chiede più giorni di supporto, al fine di continuare a svolgere le sue funzioni.”.

In conclusione la Conferenza Episcopale Polacca ha sottolineato anche l’importanza della visita del cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone.