Monaci trappisti compiono un inedito pellegrinaggio alla loro prima sede in Brasile

Hanno visitato anche la Basilica di Nossa Senhora Aparecida

| 638 hits

TREMEMBÉ, giovedì, 25 novembre 2004 (ZENIT.org).- Tutti i 25 monaci del Monastero Nossa Senhora do Novo Mundo, della città di Campo do Tenente, nello Stato di Paranà, hanno compiuto lunedì un pellegrinaggio fino al luogo dove, cent’anni fa, si sono stabiliti i primi monaci in Brasile e alla Basilica di Nossa Senhora Aparecida, ad Aparecida, nell’interno dello Stato di San Paulo.



Questo avvenimento inedito per la comunità trappista, fondata nel 1098, è dovuto all’eccezionalità dell’anno, in cui si commemorano il centenario dell’arrivo dei Trappisti in Brasile, il centenario dell’incoronazione dell’immagine di Nossa Senhora Aparecida e i 150 anni della proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione.

Come ha rivelato il priore della comunità, D. Bernardo Bonowitz, OCSO, durante l’omelia della Messa celebrata nella Basilica Minore del Senhor Bom Jesus di Tremembé, è stato un modo di onorare “ padre e madre” della comunità dei monaci, riferendosi rispettivamente al primo monastero trappista in Brasile e a Nossa Senhora Aparecida.

I primi monaci dell’ordine arrivati in Brasile si stabilirono il 13 settembre 1904 nella città di Tremembé, distante 200 chilometri da San Paolo, in un’antica fazenda di caffè del XVIII secolo che apparteneva al barone das Palmeiras, luogo che divenne noto come Monastero di Nossa Senhora de Maristela.

La loro presenza è stata fondamentale per la crescita economica della regione, grazie anche all’introduzione di tecniche moderne nel piantare il riso.

La presenza trappista nella località ha portato anche all’istituzione del primo corso di Teologia nella regione, attraverso un contatto dell’allora priore della comunità trappista con padre Leon Dehon, che inviò nella regione alcuni padri del Sacro Cuore di Gesù (Dehoniani), perché portassero avanti il progetto della facoltà di Teologia, che quest’anno compie 80 anni dalla fondazione.

Negli anni ’20 i monaci dell’Ordine Cistercense di Stretta Osservanza (Trappisti) abbandonarono il monastero di Tremembé e tornarono in Europa. Successivamente, negli anni ’70, altri monaci sono andati in Brasile e si sono insediati nella città di Campo do Tenente, nello Stato di Paranà, più a sud, dove si trovano ancora oggi ed hanno fondato nel 1977 il Monastero di Nossa Senhora do Novo Mundo.

Il priore del monastero, D. Bernardo, ha rivelato a ZENIT di credere che questo pellegrinaggio sia unico nella storia dell’ordine, dal momento che ha coinvolto un’intera comunità, che vive sotto una regola che include preghiere, meditazioni e lavori.

I monaci hanno poi fatto ritorno al loro monastero di Nossa Senhora do Novo Mundo, a Campo do Tenente.