Mons. Andreatta: "Le guerre non devono scoraggiare i pellegrinaggi"

Il vicepresidente ed amministratore delegato dell'ORP è giunto oggi in Terra Santa alla guida di 80 persone provenienti da tutta Italia

Roma, (Zenit.org) Redazione | 263 hits

Monsignor Andreatta è giunto oggi in Terra Santa con 80 pellegrini provenienti da diverse parti d’Italia tra cui Matera e Potenza. Stamane all’Ansa, il vicepresidente e amministratore delegato dell’Opera Romana Pellegrinaggi  ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Il momento in Terra Santa è davvero molto difficile ma io sono convinto, come il Papa ha detto all' Angelus, che la forza della preghiera può tutto”.

Monsignor Andreatta, che non è affatto nuovo a queste complicate situazioni, ha proseguito: “La mia esperienza di 40 anni, le varie Intifada e guerre non ci hanno mai scoraggiato; ed è questo il momento di andare, anche perché il circuito del pellegrinaggio è sicurissimo, tranquillo, è lontano dal luogo di guerra; quindi si presta molto al dialogo, all'amicizia e ad un incontro con i palestinesi e gli israeliani. Perché i pellegrini sono il terzo popolo di quella terra e non possono, quindi, mancare in un momento come questo momento, in cui i due popoli stanno soffrendo insieme”.

Quanto alla situazione sulla Striscia di Gaza l'amministratore delegato dell' Orp ha parlato di “una guerra assurda. Purtroppo ne ho viste tante, come il periodo di Betlemme con l' occupazione e l' assedio della Basilica. Dico basta alla guerra. Sono loro stessi, gli ebrei, gli israeliani, i palestinesi che vogliono la pace; purtroppo, però, ci sono delle logiche di grandi interessi internazionali o di altro genere che fa soffrire chi è innocente. Noi andiamo lì  proprio per la solidarietà con chi ha bisogno in questo momento”.

Monsignor Andreatta è giunto a Tel Aviv intorno alle 14:30, ora locale. All’aeroporto ad attenderlo con grande trepidazione numerose autorità locali, tra cui diversi esponenti del Ministro del Turismo Israeliano.

A seguire, nel pomeriggio, alle 17, la celebrazione eucaristica per implorare la pace ad Haifa sul Monte Carmelo al santuario di Stella Maris. Monsignor Andreatta si dirigerà poi a Betlemme dove è previsto il suo pernottamento.