"Ne la reggia der celo, in paradiso, li magnifici Tre stanno a consijo..."

Gli auguri di buone feste ai lettori di ZENIT in romanesco

Roma, (Zenit.org) Sandro Leoni | 302 hits

Avvertenza: la presenza di festività infrasettimanali (Natale. S. Stefano, Maria Madre di Dio, Epifania) e la ricchezza degli spunti che le Letture di esse contengono ci inducono a sospendere la trattazione, a domeniche alterne, de LA FEDE INSIDIATA per quanto riguarda le sètte in genere così da poterci polarizzare sui testi delle festività natalizie. Essa sarà ripresa dopo il Battesimo del Signore…

Addolcisco la piccola delusione con la seguente poesia sul Natale, in dialetto romanesco.

BON NATALE

Ne la reggia der celo, in paradiso

Li magnifici Tre stanno a consijo.

Ce sta un proggetto in aria, condiviso,

E core voce ch’ariguardi er Fijo.

L’Amore, bisbijanno, dice ar Verbo:

«Ce sèmio! E' pax romana ne la storia;

potemo sortì fora dar riserbo

e anna' a manifestà' de Dio la gloria.

Va dar Capoccia e, co’ diplomazzia,

Fajela diggerì ner giusto verzo.

Perché, resti tra noi, ‘st'economia

Ce costa assai de più che l’univerzo.

Ma, si tu sei deciso, a parer mio,

Questo è er momento giusto; fallo in fretta!

E nun je di’ che te lo detto io,

Tanto... lo sa da sempre, e se l’aspetta».

Er Fio, senza penzacce su du’ vorte,

Core dar Padre e, a testa su la spalla:

«Papà je dice, annamo pe’ le corte,

Si tu permetti noi voremmo falla…».

«Ma che?» - fa quello - «L’in-car-naz-zi-o-ne!

- riprenne er Fio, stringennose a su Padre -

Te lo confermo in tutta convinzione;

voio pijamme un corpo ed una Madre.

Così, dopo tant’anni de tristezza

E de peccato e tenebbra, l’umani

ciavranno ‘na barchetta de sarvezza;

Basta che je ce allungheno le mani!»

«Già… ma sta barca, Fio - riprenne er Padre -

che galleggi pe’ secoli su i flutti,

ce costerà un crocione: a te, a tu Madre,

a me, a lo Spirto Santo, inzomma a tutti!»

«Papà, papino bello, Abbà - fa er Fio,

pe’ gnente impressionato da ‘ste cose -

Nissuno te capisce quanto io,

ma... senza spine nun ce so’ le rose!

Suvvia guardeli là, poveri fij

Senza speranza, illusi, innotizzati

Da le gioie der monno e dai consij

De Satanasso che ce l’ha imbrojati.

Lui li straporta tutti pe’ i fonnelli

Co’ li miraggi, le bucie, cor gnente!

Ma a te so’ sempre fij e a me fratelli,

E poi so’ propio tanti, tanta gente!»

«Ma tu lo sai ner monno che t’aspetta?

- riprenne er Padre - Sai si che fanfara?

Osanna e crucifigge! Damme retta,

Famo giustizzia e via, così s’empara!»

«E’ vero - pensa er Fio - nun me conviene!»

Ma..., fissi l’occhi santi su 'sto monno,

fa carmo: «Però io je vojo bene,

e pure Te, si te conosco a fonno!»

«’Ndo’ sta lo Spirto Santo?» fa l’Eterno,

girannose co’ ‘n nodo ne la strozza.

Ma quello, con un fischio de governo,

Già aveva preparato la carozza.

Allora er Padre, in lagrime, li abbraccia,

Li bacia e dice grave: «Me fa male...

Ma, si così sta scritto, fiat, se faccia.

Va’ Fijo, t’arigalo, e... BON NATALE!»

                                    (Sandro Leoni, 1995)