Nei Caraibi, una televisione trasmetterà programmi cristiani tutto il giorno

A Trinidad e Tobago, col sostegno di Aiuto alla Chiesa che Soffre

| 945 hits

ROMA, domenica, 24 aprile 2011 (ZENIT.org).- L'associazione caritativa internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) sta fornendo a una comunità laica di Trinidad e Tobago l'attrezzatura di cui ha bisogno per produrre trasmissioni cristiane da diffondere 24 ore al giorno.



Aiutando la rete televisiva della comunità Living Water (Acqua Viva) con una donazione di 9.000 dollari statunitensi, ACS risponde alla richiesta di Papa Benedetto XVI di sostenere progetti che utilizzano i media moderni per evangelizzare.

Trinity TV trasmette da 17 anni, e negli ultimi due ha fornito una copertura di 24 ore su Internet.

Per assicurare trasmissioni televisive tutto il giorno, il fondo messo a disposizione da ACS mira ad acquistare nuove apparecchiature, come telecamere, un set di trasmissioni wireless e un camcorder.

Fino a questo momento c'era un unico set di apparecchiature, da trasportare ogni volta che si cambia studio.

Trinity TV ha il pieno sostegno dell'Arcivescovo Edward J. Gilbert di Port of Spain, capitale della repubblica di Trinidad e Tobago.

Circa la donazione di ACS, la fondatrice della comunità Living Water, Rhonda Maingot, ha detto che questo “generoso sostegno ha portato a un grande miglioramento nelle nostre due sale di mixaggio e nella sala di trasmissione”.

“Il vostro supporto al nostro ministero di comunicatori cattolici nel corso degli anni ci ha permesso di portare avanti questo importante compito di evangelizzazione”, ha aggiunto.

La Trinity Communications Network è nata per usare i media a scopo di evangelizzazione.

Creata nel 1994, Trinity TV vuole incoraggiare e sostenere l'opera catechetica ed evangelizzatrice che viene svolta in parrocchie, comunità laiche e in vari altri gruppi ecclesiali.