Nel 2015 a Philadelphia il prossimo Incontro Mondiale delle Famiglie

Al termine dell'Angelus l'annuncio del vescovo ausiliare di Milano: Benedetto XVI devolverà 500mila euro ai terremotati dell'Emilia

| 1286 hits

di Luca Marcolivio

BRESSO, domenica, 3 giugno 2012 (ZENIT.org) – Il prossimo Incontro Mondiale delle Famiglie si terrà a Philadelphia nel 2015. Lo ha annunciato papa Benedetto XVI, durante l’Angelus, a conclusione della celebrazione eucaristica presso l’aerodromo di Bresso.

Prima della recita della preghiera mariana, il Santo Padre ha espresso “un un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno lavorato per questo evento, a partire dal Cardinale Ennio Antonelli, Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, e dal Cardinale Angelo Scola, Arcivescovo di Milano”, oltre a “tutti i responsabili dell’organizzazione e tutti i volontari”.

Nell’annunciare la prossima sede dell’Incontro Mondiale delle Famiglie, Benedetto XVI ha salutato l’arcivescovo di Philadelphia, monsignor Charles Chaput, ringraziandolo “per la disponibilità offerta”.

Il Papa si è poi rivolto alle “care famiglie milanesi, lombarde, italiane e del mondo intero”, ringraziandole per la partecipazione. “Vi incoraggio ad essere sempre solidali con le famiglie che vivono maggiori difficoltà, penso alla crisi economica e sociale, penso al recente terremoto in Emilia”, ha aggiunto.

Parole di ringraziamento alle autorità ecclesiastiche e civili e agli organizzatori sono giunte anche dal cardinale Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, che ha descritto l’Incontro Mondiale appena concluso, come un “evento che rimarrà nella nostra memoria e continuerà a darci ispirazione, speranza e coraggio”.

“La nostra gratitudine è soprattutto per lei, Santo Padre che con la sua presenza ci ha fatto sperimentare concretamente e intensamente la gioia di essere Chiesa”, ha aggiunto Antonelli.

“I cristiani e le loro famiglie le promettono di impegnarsi a vivere secondo il Vangelo la famiglia, il lavoro e la festa. Parteciperanno fedelmente alla Messa della Domenica, per accogliere l’amore di Cristo e portarlo nella casa, nel luogo di lavoro, in tutte le relazioni e attività del vostro vissuto quotidiano”, ha poi concluso il porporato.

Prima del congedo definitivo, il vescovo ausiliare di Milano, monsignor Erminio De Scalzi, ha annunciato la decisione del Santo Padre, di devolvere 500mila euro ai terremotati delle province di Bologna, Ferrara, Mantova e Modena. La somma rappresenta una parte delle donazioni ricevute da Benedetto XVI durante la sua visita a Milano, per la sua beneficienza personale. L’offerta è stata consegnata simbolicamente a monsignor Roberto Busti, vescovo di Mantova.