Nicaragua: "Non si può cambiare il paese solo con le leggi, dobbiamo prima cambiare noi stessi"

Monsignor Silvio Baez sulle modifiche alla legge 779, la legge organica contro la violenza sulle donne

Roma, (Fides.org) | 231 hits

La violenza contro le donne scomparirà dal nostro paese solo quando si riusciranno a diffondere i valori reali tra i giovani e le famiglie: lo ha sottolineato il Vescovo ausiliare dell'Arcidiocesi di Managua, Sua Ecc. Mons. Silvio Baez, dopo aver celebrato, ieri, la Messa nella festa del Santo patrono della città di Masaya, San Girolamo. La nota inviata all’Agenzia Fides riferisce che durante la sua omelia nella chiesa di San Girolamo, il Vescovo si è rivolto alla comunità con una riflessione sulle recenti riforme fatte dai legislatori all'Assemblea Nazionale. Mercoledì 25 settembre infatti è stata modificata, con 83 voti a favore e 4 contrari, la legge organica contro la violenza sulle donne, per introdurre l'articolo 46, che prevede la figura di un mediatore per il reato più lieve. Tale modifica ha provocato l’immediata protesta dei gruppi femministi che si oppongono ad ogni riforma della legge, ed ha acceso il dibattito a livello nazionale.

La legge 779, in vigore dal giugno 2012, è la "Legge contro la violenza sulle donne del Nicaragua". Proposta inizialmente per fermare la violenza e i numerosi crimini commessi contro le donne, la legge ha avuto conseguenze negative nei confronti della famiglia, del matrimonio, dell’unione di coppia, dell’integrità del focolare domestico… Infatti l'applicazione immediata di sanzioni per gli uomini accusati di atti di violenza non permetteva la mediazione tra aggressore e vittima, e questo ha significato, in poco tempo, un gran numero di famiglie separate o distrutte. 

"Il Nicaragua non cambierà a forza di leggi o decreti. La violenza contro le donne non terminerà con una legge più dura, a prescindere dal fatto che ci sia o no la mediazione nella legge 779. Tutti noi sappiamo che la violenza contro le donne e contro ogni persona non finirà in Nicaragua prima di avere un cuore nuovo. Dobbiamo cominciare a cambiare dal di dentro, se vogliamo un paese migliore" ha detto Mons. Baez.

(Fonte: Agenzia Fides, 01/10/2013)