Nominato il delegato del Papa per i Legionari di Cristo

L'Arcivescovo De Paolis, presidente della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede

| 2268 hits

CITTA' DEL VATICANO, venerdì, 9 luglio 2010 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ha nominato l'Arcivescovo Velasio De Paolis, C.S., presidente della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede, delegato pontificio per la Congregazione dei Legionari di Cristo, secondo quanto ha reso noto questo venerdì la Sala Stampa della Santa Sede.

Padre Federico Lombardi S.I., direttore della Sala Stampa, ha spiegato che monsignor De Paolis "conserva attualmente anche la sua funzione di presidente della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede".

"Egli incontrerà personalmente al più presto gli attuali superiori della Congregazione dei Legionari. Sarà il delegato stesso, nella sua nuova funzione, a comunicare anzitutto ai Legionari e a stabilire modi, tempi e forme di comunicazione degli aspetti principali del mandato ricevuto dal Santo Padre", ha aggiunto il portavoce vaticano in una dichiarazione ai microfoni della "Radio Vaticana".

La Santa Sede aveva annunciato l'intenzione del Papa di nominare un proprio delegato per i Legionari di Cristo il 1° maggio in un comunicato emesso dopo che il Santo Padre aveva incontrato i cinque Vescovi incaricati di compiere la visita apostolica a questa Congregazione religiosa.

In quel comunicato è stata anche annunciata la creazione di una commissione di studio delle costituzioni dei Legionari di Cristo.

Padre Lombardi ha inoltre rivelato che monsignor De Paolis comunicherà alla Congregazione la costituzione di questa commissione.

Secondo il portavoce vaticano, "lo spirito di questi provvedimenti del Santo Padre, come era stato detto nel Comunicato del primo maggio scorso, è quello di accompagnamento e di aiuto da parte della Chiesa nel cammino impegnativo di purificazione e rinnovamento che attende la Congregazione".

In quel testo, il Papa rinnovava il suo incoraggiamento ai Legionari di Cristo e ai membri del "Regnum Christi", movimento apostolico sorto da questa Congregazione, e constatava che la condotta di padre Marcial Maciel Degollado, fondatore dei Legionari di Cristo, "ha causato serie conseguenze nella vita e nella struttura della Legione, tali da richiedere un cammino di profonda revisione".

Il comunicato vaticano indicava "la necessità di ridefinire il carisma della Congregazione dei Legionari di Cristo, preservando il nucleo vero, quello della 'militia Christi', che contraddistingue l'azione apostolica e missionaria della Chiesa e che non si identifica con l'efficientismo a qualsiasi costo".

Monsignor De Paolis

L'Arcivescovo Velasio De Paolis, che compirà 75 anni il 19 settembre, religioso della Congregazione dei Missionari di San Carlo Borromeo (più noti come Scalabriniani), oltre ad essere presidente della Prefettura degli Affari Economici è nella Santa Sede membro del Tribunale supremo della Segnatura Apostolica e consultore della Congregazione per le Chiese Orientali, della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica e del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi.

Nato a Sonnino (in provincia di Latina), ha emesso la professione perpetua come missionario di San Carlo Borromeo il 4 ottobre 1958 e ha ricevuto l'ordinazione sacerdotale il 18 marzo 1961.

E' dottore in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma, laureato in Teologia presso l'Università di San Tommaso (Angelicum) e in Giurisprudenza presso l'Università "La Sapienza" di Roma. Ha anche completato il biennio di Teologia Morale all'Accademia Alfonsiana.

Dal 1965 al 1970 è stato docente di Teologia Morale e di Diritto Canonico presso la Congregazione dei Padri Scalabriniani e rettore del collegio internazionale che ha a Roma questa Congregazione (1970-1974), mentre era vicario provinciale.

Nel 1974 è stato chiamato al governo generale della sua Congregazione come consigliere e procuratore generale. Dal 1971 al 1980 è stato professore straordinario e dal 1983 professore ordinario presso la Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università Gregoriana. Dal 1987 è stato anche docente alla Pontificia Università Urbaniana, diventando decano della Facoltà di Diritto Canonico nel 1998.

E' autore di numerosi libri e articoli. E' stato un assiduo collaboratore della rivista scientifica "Periodica de re canonica". Fa parte di varie associazioni dedite allo studio del Diritto Canonico.

In tutti questi anni si è anche dedicato all'attività apostolica, in particolare alla predicazione degli esercizi spirituali.

Il 30 dicembre 2003 Papa Giovanni Paolo II lo ha nominato segretario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, dove era già controfirmatario. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 24 febbraio 2004, e gli è stata assegnala la sede titolare di Telepte.

Il 12 aprile 2009 Papa Benedetto XVI lo ha nominato presidente della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede, elevandolo alla dignità di Arcivescovo.

Accoglienza da parte dei Legionari

Comunicando questa nomina ai membri della Congregazione, padre Álvaro Corcuera, L.C., che dal 2005 è direttore generale dei Legionari di Cristo, ha espresso viva gratitudine al Santo Padre, rende noto la Congregazione religiosa sulla sua pagina web.

Nell'udienza privata del 17 giugno scorso, il direttore generale dei Legionari di Cristo ha assicurato al Papa che tutta la Congregazione accoglierà il suo futuro delegato con piena disponibilità.