"Non abbiate paura: Insieme ce la faremo!"

Carlo Casini lancia la mobilitazione europea dei movimenti per la vita

| 1148 hits

di Antonio Gaspari

ROMA, sabato, 24 marzo 2012 (ZENIT.org).- Con un lungo e intenso applauso i dirigenti del Movimento per la Vita riuniti a Terrasini, in provincia di Palermo, per l’Assemblea Nazionale ed il rinnovo del direttivo, hanno accolto la relazione del Presidente Carlo Casini.

Il Presidente del Movimento per la Vita ha spiegato in maniera essenziale ed incisiva quanto di buono e unico è stato fatto nel passato ed ha chiesto una mobilitazione straordinaria per far vincere la cultura ella vita a livello europeo e mondiale..

Riprendendo le parole del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiano (CEI), Casini ha ricordato la “fondamentale funzione” del Movimento per la Vita (MpV) “nel tenere sveglia la coscienza degli italiani sul fronte della vita concepita”, impegno che “non potrà certo diradarsi proprio ora”.

Casini ha indicato almeno tre ragioni dell’impegno del MpV: “la fedeltà alla antropologia cristiana come esposta nel magistero della Chiesa”, la “capacità di essere punto di riferimento unitario per la sensibilità a favore della vita nella società religiosa e civile”, la “intelligenza operativa nel tradurre il valore della vita in iniziative e proposte concrete”.

A questo proposito i Centri di Aiuto alla Vita (CAV), federati con il MpV, hanno mostrato che negli ultimi trenta anni sono stati salvati circa 130.000 bambini e bambine, che non sarebbero dovuti nascere e sono state assistite e aiutate oltre 500.0000 mamme.

Il presidente del MpV, ha ripercorso la storia dal primo CAV di Firenze , che rispose alla provocazione radicale dell’aborto con la proposta “le difficoltà della vita no si superano sopprimendo la vita ma superando insieme le difficoltà”.

Primo obiettivo perseguito dal MpV è stato quello di ricomporre e mobilitare tutte le forze associative dell’area cattolica, anche e soprattutto dopo la sconfitta nel referendum che nel 1981 voleva bloccare la legge che permetteva l’aborto.

In quell’occasione cos difficile il MpV ribadì “la difesa della vita è sempre una vittoria “ e “il referendum non è che un episodio”. Quella battaglia abituò a militanti a “una tenacia senza termini temporali”.

Seppure deluso da come l’allora Democrazia Cristiana si era comportata nei confronti dell’approvazione della legge che favorì l’aborto, il MpV ha continuato a sollecitare tutti i partiti affinché sottolineassero la “centralità politica del diritto alla vita”.

In questo contesto Casini ha indicato la “Evangelium vitae” come “l’enciclica sociale per eccellenza” dove diritto alla vita, questione sociale e pace sono intrinsecamente connesse.

A questo proposito il Presidente del MpV ha spiegato: “noi siamo comparabili ai grandi movimenti di liberazione contro la schiavitù, contro la discriminazione tra bianche i neri e tra uomini e donne”.

“Voi siete – ha detto il beato Giovanni Paolo II – un vero movimento per la pace”.

In questo contesto Casini ha annunciato la creazione di un comitato organizzatore che in cooperazione con i MpV europei proporrò alla Commissione europea una raccolta di firme per precisare che il concepito è ”uno di noi” cioè è persona, parte essenziale dell’umanità.

Il pesidente del MpV ha parlato di questa iniziativa come “la più grande tra quelle effettuate” con il coinvolgimento di tutti i movimenti dei 27 paesi facenti parte dell’unione.

Il primo incontro pubblico per dare voce al popolo della vita di tutta Europa avverrà il 20 di maggio nell’aula Paolo VI in Vaticano. In quell’occasione si prevede che saranno presenti la larga maggioranza delle associazioni e dei movimenti che si battono per manifestare la cultura della vita.

In merito al coinvolgimento dei giovani, Casini ha ricordato che il concorso scolastico promosso dal MpV ha coinvolto negli ultimi 25 anni più di un milione di giovani studenti di cui 7000 vincitori che sono andati a Strasburgo invocando “prima di tutto la vita”.

Circa alcune critiche che hanno contrapposto l’organizzazione di una marcia per la vita contro Casini ed il Mpv, il Presidente ha chiarito di aver sempre lavorato per l’unità di tutti i pro life, ed ha precisato “noi non invitiamo a non partecipare alla marcia del 13 maggio. Diciamo soltanto a chi andrà il 13 maggio, ‘vieni anche il 20 maggio”.

Dopo aver ricordato la lista infinita di iniziative locali, nazionali e internazionali del MpV, sempre presente a difendere i deboli, i bambini, le donne, le madri ….Casini ha invitato i presenti a “unire l’ottimismo, la fiducia, la gioia” perché “come diciamo alle mamme che si rivolgono ai CAV”, “Insieme ce la faremo!”.