Non bisogna aver vergogna di vivere lo scandalo della croce

Papa Francesco incoraggia a testimoniare che Gesù era il Figlio di Dio

Citta' del Vaticano, (Zenit.org) Antonio Gaspari | 622 hits

“La Chiesa non è un’organizzazione di cultura, di religione, neanche sociale; non è ciò. La Chiesa è la famiglia di Gesù. La Chiesa confessa che Gesù è il Figlio di Dio venuto nella carne. Questo è lo scandalo e per questo perseguitavano Gesù”.

Lo ha detto papa Francesco nel corso dell’omelia della Messa che si è svolta questa mattina nella cappella della Casa di Santa Marta (Domus Sanctae Marthae) in Vaticano.

Partendo dalla domanda rivolta a Gesù dagli scribi e dai sommi sacerdoti, che chiedevano a Gesù da dove venisse la Sua autorità, il Vescovo di Roma ha affermato che il vero scandalo era il fatto che il Cristo era il Figlio di Dio.

Riconoscere l’incarnazione di Gesù - “Lui è Dio che si è incarnato” - è ancora oggi percepito come scandalo.

Ciò che “scandalizza della Chiesa è il mistero dell’Incarnazione del Verbo” – ha affermato papa Francesco - e "questo non si tollera, questo il demonio non lo tollera”.

Secondo quanto riportato da Radio Vaticana, il pontefice avrebbe spiegato: “Quante volte si sente dire: ‘Ma, voi cristiani, siate un po’ più normali, come le altre persone, ragionevoli!’. Questo è un discorso da incantatori di serpenti, proprio: ‘Ma, siate così, no?, un po’ più normali, non siate tanto rigidi …’ Ma dietro a questo c’è: ‘Ma, non venite con storie, che Dio s’è fatto uomo’! L’Incarnazione del Verbo, quello è lo scandalo che c’è dietro!”.

“Noi – ha continuato il Papa - possiamo fare tutte le opere sociali che vogliamo, e diranno: ‘Ma che brava, la Chiesa, che buona l’opera sociale che fa la Chiesa’. Ma se noi diciamo che noi facciamo questo perché quelle persone sono la carne di Cristo, viene lo scandalo. E quella è la verità, quella è la rivelazione di Gesù: quella presenza di Gesù incarnato”.

In punto centrale della questione è l’incarnazione, cioè la scelta di Dio di farsi uomo.

E bisogna vigilare perché secondo papa Francesco “sempre ci sarà la seduzione di fare cose buone senza lo scandalo del Verbo Incarnato, senza lo scandalo della Croce”.

Il Pontefice ha sottolineato che dobbiamo “essere coerenti con questo scandalo, con questa realtà che fa scandalizzare” perché questa è “la coerenza della fede”.

A questo proposito ha ricordato quanto scritto dall’apostolo Giovanni e cioè “quelli che negano che il Verbo è venuto nella carne sono dell’anticristo, sono l’anticristo”.

Mentre “soltanto quelli che dicono che il Verbo è venuto nella carne sono dello Spirito Santo”.

Papa Francesco ha dunque affermato che “la Chiesa è la famiglia di Gesù. La Chiesa confessa che Gesù è il Figlio di Dio venuto nella carne: quello è lo scandalo, e per questo perseguitavano Gesù”.

Il Papa ha concluso: “Chiediamo al Signore di non avere vergogna di vivere con questo scandalo della Croce. E anche la saggezza: chiediamo la saggezza di non lasciarci intrappolare dallo spirito del mondo, che sempre ci farà proposte educate, proposte civili, proposte buone ma dietro a quelle c’è proprio la negazione del fatto che il Verbo è venuto nella carne, dell’Incarnazione del Verbo. Che alla fine è quello che scandalizza quelli che perseguitano Gesù, è quello che distrugge l’opera del diavolo. Così sia”.