Non è una crociata contro l'Islam ma una denuncia del controllo delle nascite

Il cardinale Peter Turkson spiega il perché del video "Muslim demographics" proiettato al Sinodo

| 1344 hits

di A.G.

CITTA’ DEL VATICANO, martedì, 16 ottobre 2012 (ZENIT.org) - Sabato scorso, al Sinodo dei Vescovi che si sta svolgendo in Vaticano, il cardinale Peter Turkson, presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace ha fatto proiettare un video di 7 minuti intitolato Muslim demographics.

Il video in questione è stato montato da un anonimo ed è diffuso su You Tube da almeno tre anni.

La tesi del video è che in pochi anni la crescita demografica dei popoli musulmani travolgerà i paesi occidentali. Il tono del video è aggressivo e ostile agli islamici considerati come pericolosi nemici.

È bastata questa azione del cardinale Turkson a scatenare una serie di articoli critici sui principali quotidiani italiani.

Oggi, 16 ottobre, il portavoce in lingua italiana del Sinodo, don Giorgio Costantino ha riportato le parole del cardinale Turkson il quale avrebbe detto che “non voleva essere un documentario di crociata contro l’Islam, vuole piuttosto essere un documento contro le politiche di controllo delle nascite praticate nel mondo”.

Don Costantino ha riportato che il cardinale André Armand Vingt Trois, arcivescovo di Parigi, avrebbe detto “questa è una visione manichea che non è la nostra. Non possiamo fare una crociata antislamica”.

E il Segretario Generale del Sinodo monsignor Nikola Eterovic ha aggiunto che quella del video presentato dal cardinale Turkson  “non è la posizione del Sinodo. Il documentario è stato presentato come una provocazione per aprire una discussione”.

Diversi gli interventi al Sinodo di Vescovi e Arcivescovi che vivono in paesi dove il dialogo e la collaborazione tra cristiani e islamici sono un esempio di convivenza.