"Non uccidere": un comandamento e qualcosa di più

Sabato 21 settembre a Palermo il prossimo appuntamento con le "10 Piazze"

Palermo, (Zenit.org) | 578 hits

Approda anche Palermo 10 Piazze per 10 Comandamenti, l’evento nazionale promosso dal Rinnovamento nello Spirito Santo in occasione della 40° anniversario della nascita in Italia, realizzato in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, sotto l’egida della Conferenza Episcopale Italiana, in occasione dell’Anno della Fede, indetto da Papa Benedetto XVI e ora proseguito da Papa Francesco.

La manifestazione presentata stamani a palazzo arcivescovile alla presenza del card. Paolo Romeo, del presidente del Rinnovamento nello Spirito Salvatore Martinez e del sindaco Leoluca Orlando si svolgerà sabato 21 settembre 2013, a piazza Castelnuovo e sarà un momento di festa, di coinvolgimento popolare, di riflessione, spettacolo e testimonianza di fede sul tema de quinto Comandamento: Non uccidere.

Hanno già confermato la loro partecipazione nella piazza di Palermo alla serata condotta da Claudio Brachino: il card. Paolo Romeo, arcivescovo della diocesi di Palermo; Leoluca Orlando, sindaco di Palermo; Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito; Domenico Quirico, inviato de La Stampa rapito in Siria e appena liberato; Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria; Vittorio Aliquò, magistrato già membro del pool antimafia; Carlo Casini, presidente del Movimento per la Vita; Mariapia Bonanate, scrittrice; Mariella Nava, cantante; il jazzista Francesco Cafiso con  Francesco Buzzurro (chitarrista) e Giuseppe Milici (armonicista); Enrico Lo Verso, attore; la band DieciperDieci RnS; Nèon Teatro – Il teatro delle diversità; la Marionettistica popolare siciliana.

Dieci Piazze per Dieci Comandamenti – ha detto Martinez – è un evento di popolo di alto spessore ideale, morale, spirituale mai realizzato in precedenza. Una corale partecipazione istituzionale, in cui Chiesa, Stato e Società civile cercano di dialogare insieme, pubblicamente, nelle Piazze simbolo della nostra storia italiana. Arcivescovi e Sindaci, giornalisti e filosofi, economisti e letterati, poeti e musicisti, scienziati e sportivi saranno protagonisti di una singolare, creativa, positiva e propositiva rilettura del Decalogo”.

Il cardinale Romeo da parte sua ha dichiarato che “bisogna far riprendere coscienza che il non uccidere è soprattutto dare valore alla vita, ma anche sicurezza di lavoro e di pace”. Anche il sindaco Orlando ha espresso un vivo ringraziamento per l’iniziativa, sostenendo che “i comandamenti non sono solo un decalogo religioso, ma sono alla base del vivere civile”.

Dopo le piazze di Roma, Napoli, Verona, Milano, Bari, Genova e Cagliari che hanno visto la partecipazione di circa 60.000 persone e numerosi testimoni del mondo dello spettacolo, della cultura, dello sport, del giornalismo, della musica, sabato prossimo sarà la volta di Palermo con una manifestazione nazionale che trasmessa in diretta da Tv2000.

Il programma prevede alle ore 20.30 l’accoglienza con musiche e danze, seguirà la lettura di brani celebri ispirati al tema del comandamento, quindi il card. Paolo Romeo leggerà il Messaggio alla Città a commento del comandamento. Nel corso della serata ci saranno Testimonial dei vari mondi della cultura, della scienza, dell’economia, dello spettacolo e dello sport e testimoni che hanno fatto esperienza nella loro vita del comandamento.

Al centro della serata sarà trasmesso un videomessaggio di papa Francesco a cui seguiranno brani musicali e creatività. La serata si concluderà con l’accensione delle candele e l’affidamento della città con accenti ed espressioni tratti da scritti del santo protettore e dei beati e santi della città e della regione.

La serata Dieci Piazze per Dieci Comandamenti nella piazza di Palermo è patrocinata dalla Regione Sicilia e dal Comune di Palermo. È stata realizzata grazie a Averna, Gruppo Arena, Euronics Bruno.

Dopo la tappa di Palermo l’iniziativa proseguirà tra settembre e ottobre nelle piazze di Bologna, Torino e Firenze.