Novena dell'Immacolata: "messaggio di fede ai credenti e a tutti quelli in ricerca"

Dal 29 al 7 dicembre presso la Basilica dei XII Apostoli a Roma, ogni sera un'omelia con un Cardinale diverso

| 1520 hits

di Maurizio Tripi

ROMA, sabato, 24 novembre 2012 (ZENIT.org) - La Novena dell’Immacolata è un appuntamento storico per tutta la comunità di fedeli della Capitale. Anche quest’anno presso la Basilica dei SS XII Apostoli, tutte le sere alle ore 18.30 ci sarà una Santa Messa presieduta da un Cardinale.

L’Omelia sarà tenuta ogni sera da Mons. Domenico Paoletti Preside della Pontificia Facoltà Teologica S. Bonaventura. Il tema della Novena 2012 sarà “Beata colei che ha creduto” Maria paradigma della fede cristiana.

La Novena si aprirà il 29 novembre con il Cardinale Paul Poupard, Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. A cui seguiranno in successione fino al 7 dicembre compreso; Card. Domenico Calcagno (30/11), Card. Antonio Canizares Llovera(01/12), Card. Velasio De Paolis (02/12), Card. Giuseppe Versaldi (03/12), Card. José Saraiva Martins (04/12), (05/12), Card. Dario Castrillon Hoyos (06/12), Card. Stanislaw Rylko (07/12) e il Card. Giovanni Battista Re l’8 dicembre.

ZENIT ha intervistato Padre Mario Peruzzo, Parroco della Basilica dei SS XII Apostoli, per illustrarci gli aspetti più particolari della Novena.

***

La Novena è un appuntamento importante per Roma ?

Padre Peruzzo: La Novena non è solo un avvicendarsi di 10 cardinali. Dal 29 novembre tutte le sere nella Basilica dei santi XII Apostoli a Roma alle ore 18,30 la santa messa viene presieduta da un Cardinale. L’accompagnamento del canto viene offerto dalla Cappella Costantiniana, diretta da P. Gennaro Becchimanzi.

La Basilica con la solenne Novena dell’Immacolata lancia un messaggio di fede ai credenti e a tutti quelli che sono in ricerca con una liturgia esemplare e con un’omelia, suggerita dal MRP. Domenico Paoletti, OFM. Conv., preside della Pontificia Facoltà Teologica di San Bonaventura. Nelle nove sere della Novena verrà sviluppata una catechesi sulla prima beatitudine del Vangelo: “Beata colei che ha creduto”.

Il messaggio umano e religioso della novena non coinvolge soltanto i numerosi fedeli che ogni sera frequentano la Basilica dei santi XII Apostoli, ma risuonerà anche in Piazza di Spagna l’8 dicembre p.v. con l’Omaggio all’Immacolata del Papa e di tanti fedeli che con umiltà e profonda devozione deporranno un fiore ai piedi del monumento, perché l’animatore dei due eventi è lo stesso gruppo di frati francescani, guidato dal rettore della Basilica.

Nel 2012 la Basilica ricorda altri due anniversari. Quali sono?

Padre Peruzzo: Il primo è il 1950° anniversario del martirio di S. Giacomo il Minore (62-2012), le cui reliquie sono custodite nella cripta della Basilica. In suo onore la parrocchia ha vissuto nella seconda parte del mese di ottobre u.s. una piccola Missione popolare sul tema della fede, un dono da riscoprire, da coltivare e da testimoniare perché il Signore “conceda a ciascuno di vivere la bellezza e la gioia dell’essere cristiani”.

Il secondo anniversario è il centenario della venuta a Roma del giovane Kolbe per studiare (1912-2012) e diventare sacerdote. P. Massimiliano concluderà la sua attività apostolica ad Auschwitz, offrendo la sua vita per un prigioniero ebreo. La sua fede in Dio e il suo amore all’Immacolata lo hanno portato a questa testimonianza eroica di donazione.

Può spiegare ai nostri lettori il tema di quest’anno: “Beata colei che ha creduto”. Maria paradigma della fede cristiana?

Padre Peruzzo: Pochi istanti fa ricordavo le parole di Elisabetta nell’accogliere Maria: “Beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto” (Lc 1,45). E’ la prima beatitudine che troviamo nel Vangelo ed è la beatitudine della fede. Papa Benedetto XVI ripete senza stancarsi che la crisi più grave che viviamo oggi è quella della fede. E’ la mancanza di fede che porta alla desertificazione delle nostre esistenze, delle nostre relazioni e della nostra cultura. 

Il tema della fede è il filo conduttore che unisce l’Anno della fede, indetto dal Pontefice con la Lettera Apostolica “Porta Fidei” e la nuovo evangelizzazione, auspicata dal beato Giovanni Paolo II nel 1979, tema trattato dall’ultimo Sinodo dei Vescovi dell’ottobre scorso.

Priorità assoluta per noi è ritrovare il Signore della vita e dell’amore: occorre ripartire  dalla fede in Dio, come Maria, come Abramo, come Francesco di Assisi. Se vogliamo veramente imparare a credere occorre guadare a Maria, il paradigma e il modello della fede cristiana.

Maria possa diventare per ciascuno di noi la nostalgia di un modo di essere e nello stesso tempo la misura alta di una vita che si dono. Vorrei concludere questo pensiero con un’invocazione: “O Maria, donna beata perché hai creduto, insegnaci a credere e ad amare come te; raccontaci in questa novena il tuo cammino di fede per seguire Gesù con radicalità e totalità”.

Recentemente lei ha trovato una notizia importante sulla storia della Novena. Ce la può raccontare?

Padre Peruzzo: Fino ad oggi si pensava che l’inizio della solenne Novena dell’Immacolata nella Basilica dei santi XII Apostoli fosse la proclamazione del Dogma, fatta da Pio IX nel 1854. Il Papa stesso, fino al 1969, veniva a presiedere la funzione la sera del 7 dicembre, mentre  negli altri giorni della Novena presiedeva la celebrazione un cardinale. Ora in uno studio dello storico Isidoro Liberale Gatti su Clemente XIV Ganganelli (1705-1774), edito da Centro Studi Antoniani, Padova 2012, si legge la testimonianza del Cracas (cf. Diario Ordinario, 12 dicembre 1744). Questo cronista racconta che la Basilica dei santi XII Apostoli era stata ornata di un “sontuoso apparato” per la novena dell’Immacolata, e che ogni sera veniva un cardinale o un altro prelato per impartire la benedizione col SS.mo Sacramento al “divoto e  numeroso popolo” (p. 407). Ora l’inizio della  novena dell’Immacolata deve essere retrocesso almeno fino al 1744 e forse anche qualche anno prima.