Nuovo passo ecumenico con la Messa dei Santi Pietro e Paolo presieduta dal Papa

Confermata la partecipazione del Patriarca Bartolomeo I

| 197 hits

CITTA’ DEL VATICANO, martedì, 22 giugno 2004 (ZENIT.org).- Il prossimo martedì 29 giugno 2004, in occasione della Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, Giovanni Paolo II celebrerà l’Eucarestia, alle ore 18.00 sul sagrato della Basilica Vaticana, con la partecipazione del Patriarca Ecumenico nonchè Arcivescovo di Costantinopoli, Bartolomeo I, considerato il “primus inter pares” del mondo ortodosso.



Il Santo Padre accoglierà il Patriarca Ecumenico alle ore 17.45 all’interno della Basilica. Insieme terranno l’omelia e reciteranno la professione di fede, secondo quanto ha confermato questo martedì una nota diffusa dall’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice.

E’ ormai tradizione consolidata, infatti, che tra Roma e Costantinopoli vi sia uno scambio di visite: il 30 novembre, giorno di Sant’Andrea, una delegazione papale visita il patriarcato di Costantinopoli mentre il 29 giugno una delegazione del patriarcato ecumenico si reca in Vaticano.

La Celebrazione ha luogo a quarant'anni dallo storico abbraccio che Papa Paolo VI e il Patriarca Ecumenico Atenagora I si scambiarono a Gerusalemme nel gennaio del 1964, per la prima volta dopo mille anni di separazione tra Oriente e Occidente.

L'arrivo di Bartolomeo I in Vaticano fa seguito alla lettera indirizzata dal Papa al Patriarca ortodosso, il 16 gennaio scorso, nella quale il Pontefice lo invitava a recarsi a Roma per celebrare insieme a lui questo lieto anniversario e per rivedere le questioni ancora oggetto di controversia.

“L’avvenimento costituisce un nuovo evento di grazia nel cammino percorso a seguito del Concilio Vaticano II ‘per il riavvicinamento tra la Chiesa d’Oriente e la Chiesa d’Occidente ed il ristabilimento dell’unità che esisteva tra loro nel primo millennio’”, riferisce la stessa nota dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche.

Concelebreranno con il Santo Padre i nuovi Arcivescovi Metropoliti, ai quali il Pontefice imporrà il sacro Pallio preso dalla Confessione dell’Apostolo Pietro, la sottile stola di lana bianca, con le croci nere, segno della loro comunione con la Sede di Pietro e della loro funzione di Pastori del gregge di Dio.