Oltre al Brasile, il Papa non farà altri viaggi all'estero nel 2013

Lo ha annunciato padre Federico Lombardi: "L'unico probabile viaggio di Bergoglio sarà in Italia, ad Assisi". Nei primi giorni di maggio Benedetto XVI tornerà in Vaticano

Citta' del Vaticano, (Zenit.org) | 800 hits

Eccetto la tappa del Brasile, non ci saranno altri viaggi all'estero di papa Francesco nel 2013. Lo ha annunciato mercoledì 24 aprile il direttore della Sala Stampa vaticana, padre Federico Lombardi, in un incontro nella sede della Stampa Estera a Roma.

"Vi invito a non aspettarvi altri viaggi all’estero per quest’anno” ha affermato il portavoce, specificando che sarà Rio de Janeiro l’unica meta internazionale che il Santo Padre prevede di raggiungere in questo anno, in occasione della 28.ma Giornata mondiale della gioventù, in programma dal 23 al 28 luglio, con il motto Andate e fate discepoli tutti i popoli! (Mt 28, 19). L'unico viaggio papale possibile - anche se ancora non confermato - sarà in Italia, ad Assisi.

Secondo quanto riferito dalla Radio Vaticana, il dott. Alberto Gasbarri, responsabile dei viaggi internazionali pontifici, si è recato nei giorni scorsi a Rio de Janeiro per definire i dettagli della visita di papa Francesco. “Il programma seguirà la sensibilità del Pontefice” ha detto. Tuttavia, la presenza del Santo Padre rimane per ora confermata negli appuntamenti già stabiliti: la cerimonia di benvenuto, la Via Crucis, la Veglia e la Messa conclusiva della Gmg di domenica 28 luglio nel Campus Fidei, a Guaratiba. 

Sempre nell'incontro di mercoledì con la stampa estera, padre Lombardi ha informato i giornalisti della probabilità di una pubblicazione della prima Enciclica di Papa Francesco entro l'anno. Il direttore della Sala Stampa della Santa Sede ha ricordato, in proposito, che già Benedetto XVI aveva elaborato del materiale sul tema della fede.

Riguardo al Pontefice emerito, il portavoce ha riferito che Benedetto XVI, attualmente residente nel Palazzo apostolico di Castel Gandolfo, dovrebbe trasferirsi, come previsto, tra la fine di aprile ed i primi giorni di maggio, nel Monastero vaticano Mater Ecclesiae.

Papa Bergoglio, invece, continuerà a risiedere nella Domus Sanctae Marthae, dove - ha affermato Lombardi - “si trova molto bene". Al momento, ha concluso, il Papa "non sembra voler cambiare alloggio, anche se non si tratta di una decisione definitiva”.