Oltre i contrasti tra religione e filosofia

Jean Grondin approfondisce la tematica nel suo saggio "Introduzione alla filosofia della religione"

Roma, (Zenit.org) Robert Cheaib | 354 hits

Non è raro il pregiudizio che mette religione e filosofia in totale contrasto. La prima, si pensa, navigherebbe nei mari del pre-razionale o semplicemente dell’a-razionale, ovvero in ciò che la ragione non potrebbe né percepire né provare; la seconda, invece, segnerebbe il coraggio di usare la testa e osare il sapere (sapere aude). La prima affermerebbe i suoi asserti malgrado la loro apparente assurdità-incomprensibilità (credo quia absurdum); la seconda demitizzerebbe e svuoterebbe di fatto la religione riducendola alla meglio a un’ossatura di codice morale entro i limiti della sola ragione.

In questo contesto fortemente segnato da contese e «usurpazioni» (per usare un termine newmaniano), una disciplina come «la filosofia della religione» risulterebbe come un ossimoro. Eppure, proprio questo settore del sapere, antico quanto il pensiero e la fede (a prescindere dalla sua effettiva categorizzazione disciplinare), ci aiuterebbe a ripensare la natura sorgiva della religione.

In questo ambito, uno sforzo prezioso è stato fatto da Jean Greisch nei suoi volumi sulla filosofia della religione: Le buisson ardent et les lumières de la raison. Senza la medesima pretesa enciclopedica e documentale dell’opera di Greisch, il volumetto Introduzione alla filosofia della religione di Jean Grondin offre una sintesi veloce ma capillare delle tappe e delle questioni fondamentali che vedono convergere filosofia e religione costituendo di fatto una filosofia della religione.

Grondin ha il dono della sintesi. (Un dono già incontrato nel volume sullEremeneutica). In 161 pagine permette una panoramica invitante verso il mondo della filosofia della religione che, come primo ruolo – almeno per un lettore moderno – smonta davanti agli occhi la contrapposizione con la quale abbiamo aperto quest’articolo. La religione, nella sua essenza germinale, pone le stesse domande della filosofia, è filosofia. Proprio come la filosofia nella sua essenza più antica, prima di essere filosofia del diritto, del lavoro, dell’ozio, è filosofia del senso primo e ultimo.

La lezione blondeliana è un perenne monito al riguardo: «La vita umana ha o non ha un senso?». È su questa questione del senso che filosofia e religione convergono. Ebbene, il libro di Grondin cerca di esplorare brevemente, ma non meno profondamente, questo panorama di convergenza dai filosofi pre-platonici, fino a Heidegger. L’analisi passa attraverso l’evidenziazione dell’intreccio tra filosofia e religione e la considerazione per epoche (antichità, medioevo, modernità ed epoca contemporanea) e per ceppo linguistico-culturale (ellenistico, latino, ecc.) dei contributi più importanti in tema.

In questa prospettiva, data che la religione pone le domande e «propone le risposte più forti, più antiche e più credute alla questione del senso della vita», essa non può non interessare la philo-sophia, l’amore della sapienza. Tale filosofia appartiene, di fatto, alla religione stessa, quale via della saggezza.

Si potrebbe dire – attraversando l’opera di Grondin – che, nella considerazione della storia di incontro/scontro tra filosofia e religione, i periodi più fecondi per entrambi siano stati quelli in cui religione e filosofia si sono alleati cercando, ognuna a modo sua, un senso, una felicità e una salvezza.

*

Il libro è disponisible su questi link:
http://www.amazon.it/Introduzione-alla-filosofia-della-religione/dp/8839908501/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1379682197&sr=1-1&tag=zenilmonvisda-21

http://www.queriniana.it/libro/introduzione-alla-filosofia-della-religione/1898