Papa Francesco chiama nonna Emilia, 102 anni

L'anziana aveva inviato al Santo Padre come regalo una sciarpa da lei stessa lavorata con i ferri

Roma, (Zenit.org) Federico Cenci | 417 hits

Ormai non è più una novità. La voce di papa Francesco corre attraverso i fili telefonici e raggiunge le case delle persone semplici. L’ultimo riscontro giunge dalla provincia di Bergamo, precisamente dal paese di Roncola di Troviolo, dove un’anziana di 102 anni, Emilia Orlandi, per tutti “Emilì”, ha ricevuto il 17 aprile, giovedì santo, la straordinaria sorpresa di ascoltare, dall’altra parte della cornetta, il Santo Padre che, presentandosi, le ha chiesto come stesse e l’ha ringraziata “per la sciarpa bellissima” che la signora le aveva mandato come regalo.

“Pensavo fosse uno scherzo, ho solo detto ‘Santità’… e poi la sua voce: non riuscivo più a dire nulla, lui deve aver capito che per me è stato un colpo e allora mi ha detto ‘preghi per me, e per i due Papi che presto saranno santi’”, ha raccontato emozionata e strafelice la signora Emilia - cinque figli, dieci nipoti e altrettanti pronipoti - a Bergamonews.

La signora ha raccontato di trovarsi da sola nel momento dell’inaspettata telefonata dalla Santa Sede. “C'è sempre qualcuno con me, ma proprio ieri pomeriggio ho mandato mia figlia Anna a fare una commissione in paese. Non ho più avuto parole, ho sentito la sua voce e mi sembrava di essere lì, accanto a lui, proprio come quando parla in Piazza San Pietro, io lo guardo sempre alla televisione”.

L’idea di sferruzzare una sciarpa per il Santo Padre è venuta alla signora Emilia nel dicembre scorso, come racconta a L’Eco di Bergamo don Francesco Giuseppe Mangili, il parroco del suo paese: “Guardando il Papa alla tv, Emilia l’ha visto un po’ ‘scollato’ e ha subito promesso che avrebbe cucito una sciarpa calda per lui pensando che anche a Roma doveva fare freddo”.

L’anziana ha dunque consegnato la sciarpa al parroco, che a sua volta l’ha data al vescovo di Bergamo chiedendo gentilmente di farla arrivare al Papa. “Così ha fatto e pochi giorni fa - prosegue don Mangili -, tramite la segreteria vaticana, il Papa ha ringraziato con una lettera Emilia. È stato un segnale bellissimo quello di Papa Francesco che ha confermato la sua bontà nei confronti della gente comune”.