"Papa Francesco è un uomo grande e umile"

Al termine dell'incontro con il Santo Padre, il patriarca di Gerusalemme, Fouad Twal, auspica una sua visita pastorale in Medio Oriente

Citta' del Vaticano, (Zenit.org) | 427 hits

“Un uomo umile, grande, che ha il dono dell’ascolto”: con queste parole ai microfoni della Radio Vaticana, il patriarca latino di Gerusalemme, monsignor Fouad Twal, ha descritto papa Francesco. Il Santo Padre ha ricevuto stamattina in udienza monsignor Twal, per un colloquio che ha avuto ad oggetto la situazione dei cristiani in Medio Oriente ed in particolare in Siria.

Papa Francesco, ha proseguito il Patriarca di Gesrusalemme, è “un uomo umile, grande, che ha il dono dell’ascolto, che non pretende di conoscere tutto, che vuole sapere per meglio aiutare la situazione”.

Parlando con il Pontefice della situazione dei rifugiati siriani, monsignor Twal ha detto che “la situazione non è così bella come uno può ritenerla da fuori”. Il Patriarca ha poi sottolineato, tra gli aspetti positivi, la presenza nella sua diocesi di un Seminario “gremito, grazie a Dio” e dei “pellegrini che non ci fanno sentire soli”.

Ad una domanda su una possibile visita pastorale di Francesco in Medio Oriente, monsignor Twal ha risposto: “Tutto è pensabile, tutto è possibile: dipende dal tempo, dalla situazione… Speriamo che venga, sì”.

Proseguendo nell’intervista, il Patriarca ha detto di aver chiesto al Pontefice una preghiera speciale per la Terra Santa: “lo Spirito Santo sicuramente gli ispirerà cosa dire e cosa fare”, ha detto a tal proposito Twal. “Sono sicuro che egli sussurrerà una parola buona anche a Peres”, ha aggiunto con riferimento alla visita in Vaticano del presidente israeliano, prevista per fine mese.

“Noi crediamo che lui sia docile allo Spirito Santo: sono questi gli uomini che fanno la differenza nella vita degli altri. Abbiamo un Papa che ci conosce, che è un buon modello di fede, di carità... Bisogna veramente essere ottimisti: non c’è posto per il pessimismo”, ha poi concluso il Patriarca.