Papa Francesco incontra il presidente del Parlamento Europeo

Martin Schulz ha rinnovato l'invito al Pontefice a tenere un discorso alla plenaria di Strasburgo

Citta' del Vaticano, (Zenit.org) Junno De Jesús Arocho Esteves | 363 hits

Stamattina, nel Palazzo Apostolico Vaticano, papa Francesco ha incontrato il presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz. La visita di Schulz coincide con la pubblicazione di un saggio da lui scritto in cui si commemora il 25° anniversario della visita  al Parlamento Europeo del beato papa Giovanni Paolo II.

“Venticinque anni fa, in questo stesso giorno, Giovanni Paolo II si espresse davanti al Parlamento Europeo a Strasburgo in un discorso assai ispirato”, scrive Schulz nell’editoriale. “Oggi per il Parlamento Europeo, sarebbe un grande onore ascoltare ancora il messaggio del santo Padre, le sue parole di lungimiranza, solidarietà e speranza”.

Padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa Vaticana, ha detto ai giornalisti che Schulz ha rinnovato il suo invito al Santo Padre di visitare il Parlamento Europeo e rivolgervi un discorso. Il Pontefice ha sollevato numerose questioni, tra cui la povertà, l’immigrazione, la disoccupazione giovanile, la “cultura dello scarto” e l’attuale situazione economica europea e mondiale, ha aggiunto Lombardi.

“Tra i doni presentati al Santo Padre, c’è un volume di foto commemorative della visita di papa Giovanni Paolo II”, ha sottolineato il direttore della Sala Stampa Vaticana.

Dopo l’udienza con il Papa, il presidente Schulz ha fatto una dichiarazione sulla visita, dicendo che le parole del Santo Padre sono state “ispirate ed intelligentemente provocatorie”.

“Se guardiamo alla protezione dei rifugiati nel Mediterraneo, alla battaglia contro la povertà e all’esclusione sociale o al miglioramento delle prospettive per i giovani, sia dentro che fuori dall’UE, si tratta di materie su cui condividiamo visioni simili e su cui possiamo unire le forze”, ha affermato Schulz.

In conclusione, il presidente dell’Europarlamento ha rinnovato il suo “invito a papa Francesco a tenere un discorso alla plenaria”.