Per non dimenticare l'impegno di Papa Pacelli

Venerdì 19 luglio, alle 18.30, il cardinale Vallini presiederà la celebrazione eucaristica in ricordo dei bombardamenti di San Lorenzo fuori le Mura

Roma, (Zenit.org) | 219 hits

Venerdì 19 luglio, alle 18.30, il cardinale vicario Agostino Vallini presiederà la celebrazione eucaristica nella basilica di San Lorenzo fuori le Mura in ricordo del drammatico bombardamento che 70 anni fa (19 luglio 1943) inflisse danni gravissimi all’edificio e a tutto il quartiere seminando morte e distruzione. Al termine della Messa parteciperà all’inaugurazione della mostra storico-documentaria  “La basilica di San Lorenzo dal bombardamento di Roma del 19 luglio 1943 alla ricostruzione”. Il percorso storico-iconografico comprende documenti, fotografie, manifesti, giornali quotidiani e periodici italiani ed esteri a cura di Giovanni Cipriani, segretario generale del Centro per la promozione del libro. 

Ad aprire la giornata, alle 10.45, l’omaggio floreale del sindaco di Roma Capitale Ignazio Marinoalla statua di Papa Pio XII. All’iniziativa parteciperà anche la famiglia Pacelli. Dalle 11.30 alle 17 è poi previsto il convegno intitolato “19 luglio 1943: il marmo, le schegge, i resti per non dimenticare”, a cura della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. 

Il parroco: «L’anniversario di venerdì ci darà la possibilità di ricordare non solo un evento terribile come il bombardamento, ma soprattutto l’impegno di PapaPacelli, che fece di tutto sia per impedire questa tragedia sia per favorire la successiva ricostruzione.Pio XII, infatti, si stava adoperando per far dichiarare “Roma città aperta”, in virtù della sua importanza storica e in quanto culla della fede cattolica. Ci si augura che, contemplandoli, fatti funesti come quelli accaduti settanta anni fa non si ripetano mai più». 

Venerdì, nel piazzale antistante la basilica, sarà esposta l’installazione “Sagome 547”, a cura dell’associazione Horti Lamiani, che comprende centinaia di opere pittoriche di arte contemporanea che ricordano le giovani vittime di guerre e violenze in ogni tempo. 

Parrocchia dal 1709, affidata ai Frati Cappuccini nel 1855, la basilica di piazzale del Verano ha il compito specifico di servire il cimitero monumentale adiacente ed è stata meta delle visite di diversi Pontefici: storica quella del servo di Dio Pio XII (19 luglio 1943), subito dopo i bombardamenti, celebrata da una lapide commemorativa che definisce Papa Pacelli «Pastore angelico» che, «con moltiforme infaticabile azione, la sua Roma salvò dall’estrema rovina»; l’ultima, quella di Benedetto XVI, datata 30 novembre 2008, in occasione dell’Anno Giubilare Laurentiano. 

In questa basilica sono custodite le reliquie di san Lorenzo, di cui quest’anno ricorre il 1755° anniversario dal martirio, e del beato Pio IX; nel porticato la tomba dello statista Alcide De Gasperi, opera dell’artista Giacomo Manzù.