Policlinico Gemelli: cresce l'attesa per la visita di Francesco di domani

Il cardinale Scola: "Il Papa non poteva farci dono più grande scegliendo per la sua visita proprio la Solennità del Sacro Cuore". Il rettore Anelli: "La sua presenza rafforza la nostra missione educativa"

Roma, (Zenit.org) Redazione | 197 hits

Grande attesa per la visita di Papa Francesco, domani pomeriggio, al Policlinico A. Gemelli, in occasione del 50° di fondazione, e alla Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica. Dopo l'abbraccio ai malati, al personale dell'ospedale, ai docenti e agli studenti dell’Ateneo, il Pontefice successivamente presiederà la Messa nella Solennità del Sacro Cuore.

"Abbiamo desiderato intensamente la visita del Santo Padre e la possibilità di celebrare con Lui la Santa Eucarestia a 50 anni dalla fondazione del Policlinico Gemelli”, afferma il cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano e presidente dell’Istituto Toniolo.

"Papa Francesco non poteva farci dono più grande scegliendo proprio la Solennità del Sacro Cuore, a cui per volontà dei suoi fondatori è dedicata l’Università Cattolica - prosegue il porporato -. L’Istituto di Studi Superiori Giuseppe Toniolo che ne è l’Ente fondatore e promotore, esprime al Santo Padre la più viva gratitudine per questa importante occasione di incontro, di riflessione e di preghiera".

Gioioso anche il rettore Franco Anelli che afferma: "L’intera famiglia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore accoglie con gioia Papa Francesco nella sua sede romana: con il suo esempio e la sua parola, sempre ci riconduce all’essenza della nostra missione educativa".

"La sua presenza - prosegue - rafforza il nostro impegno quotidiano nella formazione, nella ricerca scientifica e nell’attività assistenziale. La scelta di trascorrere con noi la Solennità del Sacro Cuore rende tale evento ancora più speciale e significativo per l’Ateneo dei cattolici italiani in tutte le sue Sedi".