Presentato l’Emporio della solidarietà della Caritas

Si tratta di un “supermercato” che distribuirà generi di prima necessità alle famiglie in difficoltà

| 1084 hits

ROMA, martedì, 21 novembre 2006 (ZENIT.org).- “La Solidarietà spesa bene” è lo slogan con cui il Direttore della Caritas romana, monsignor Guerino Di Tora, ed il Sindaco di Roma, Walter Veltroni, hanno presentato il “progetto Emporio” in una conferenza stampa che si è tenuta martedì presso la Terrazza Caffarelli in Campidoglio.



L’Emporio, che vedrà la luce il prossimo aprile all’interno della Cittadella della solidarietà “Santa Giacinta” (Via Casilina Vecchia), è un’iniziativa di spesa solidale per le famiglie in difficoltà. Un servizio, il primo in Europa, in cui poter reperire gratuitamente generi di prima necessità “a misura di famiglia”. Il progetto è realizzato grazie alle monetine della Fontana di Trevi e al sostegno del Comune di Roma e di numerosi sponsor.

Tra le persone intervenute figuravano anche Raffaela Milano, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Roma, Giancarlo D’Alessandro, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma, l’attore Gigi Proietti, testimonial dell’iniziativa, numerosi rappresentanti degli organismi e delle aziende che sostengono il progetto e il giornalista Giovanni Anversa che ha coordinato i lavori.

Nel presentare l’iniziativa monsignor Guerino Di Tora ha detto: “Nasce uno spazio per la distribuzione di beni alimentari alle famiglie in difficoltà, un servizio di ascolto e accoglienza, primo luogo in cui l’annuncio del Vangelo della Carità può essere vissuto da tutti in maniera semplice e spontanea”.

Il Direttore della Caritas romana ha quindi spiegato che non si tratta soltanto di “un servizio di ‘distribuzione’”, quanto di “un luogo di incontro e di ascolto, che vuol promuovere una partecipazione della città al disagio del prossimo, per favorire la dignità di chi cerca aiuto e la partecipazione di cittadini, istituzioni ed aziende che desiderano impegnarsi per una Roma migliore e più giusta”.

L’Emporio, un vero e proprio supermercato di medie dimensioni (500 mq) con casse automatizzate, carrelli, scaffali e insegne, accoglierà le esigenze delle famiglie seguite dai servizi sociali del Comune di Roma e di cittadini, italiani e stranieri, privi di residenza e senza una dimora stabile, i quali potranno usufruire del servizio indirizzati dai Centri di Ascolto della Caritas.

Le persone in possesso dei requisiti fissati per il riconoscimento del credito di spesa saranno dotate di una tessera, su cui sarà memorizzato il proprio codice personale, una sorta di carta di credito a punti, che potrà essere ricaricata presso gli uffici preposti, alla scadenza del periodo.

Il Sindaco Walter Veltroni ha rilevato come l’Emporio sia “un’iniziativa di solidarietà che, insieme alle numerose che quotidianamente avvengono, avvicina Roma all’idea di città come società giusta e solidale”.

“Un progetto che promuove due indirizzi culturali fondamentali: la lotta allo spreco, organizzando una rete di distribuzione per le derrate alimentari fuori mercato, una cultura del dono, importante in un contesto storico in cui prevale l’idea del prendere”, ha aggiunto Veltroni.

Molte aziende hanno già aderito fornendo sostegni economici e beni da distribuire e presto saranno promosse campagne di sensibilizzazione e iniziative culturali.

La Fondazione Bioparco di Roma, nell’ambito del progetto Emporio, offrirà una visita gratuita ed un pasto nel ristorante del Bioparco a tutte le famiglie che si rivolgeranno al servizio della Caritas mentre l’Enel Spa fornirà gratuitamente lampade elettriche a basso consumo e basso impatto ecologico che permetteranno un risparmio sulla bolletta elettrica delle famiglie di oltre 30 euro all’anno.

“L’impegno concreto della Caritas – ha concluso monsignor Di Tora – è quello di dar voce a chi non ha voce, e aprire uno spazio per la distribuzione di beni alimentari a quelle famiglie a rischio di povertà è restituire ad esse anche la dignità della voce”.