Primo Incontro Nazionale di Esorcisti del Messico

| 661 hits

CITTA’ DEL MESSICO, domenica, 5 settembre 2004 (ZENIT.org).- Su iniziativa dell’arcidiocesi primaziale di Città del Messico, dal 31 agosto al 2 settembre si è svolto il Primo Incontro Nazionale di Esorcisti ed Ausiliari della Liberazione del Messico.



L’iniziativa ha riunito nella sede della Conferenza Episcopale Messicana circa 500 partecipanti tra vescovi, sacerdoti esorcisti (nominati o autorizzati) e sacerdoti, religiosi e laici ausiliari degli esorcisti, persone con esperienza nella preghiera di liberazione, medici, psichiatri e psicologi interessati a far parte dei gruppi di liberazione.

Durante l’Eucarestia di apertura, il cardinal Norberto Rivera, arcivescovo di Città del Messico, ha affermato che “ci troviamo in un momento fondamentale per la Chiesa. Dobbiamo denunciare alla luce della Parola tutto ciò che non viene da Dio: stregoneria, spiritismo, cure magiche, santoni, esoterismo, oroscopi, previsioni, tarocchi, le presunte scienze occulte, lo gnosticismo, la massoneria, il rosacrocianesimo, le filosofie materialiste ed animiste, ecc.”

“Molto più importante, però, è il fatto che, in certe città del mondo, si stiano vivendo pratiche di culto a Satana”, ha aggiunto.

“La realtà ci presenta anche azioni sataniche come il New Age – ha proseguito –, che vuole attrarre la gente verso falsi modi di pensare e di vivere, spingendola a credere non nel Dio personale che a noi si è rivelato, ma in una divinità impersonale che si identifica con questo mondo materiale del quale facciamo parte; per questo motivo vogliono farci credere che noi stessi siamo Dio”.

“C’è chi desidera risolvere i propri problemi, le proprie malattie, il dolore e la sofferenza seguendo un cammino apparente e superficiale senza instaurare un rapporto personale con Dio”, ha continuato.

Il porporato ha invitato i partecipanti a porre al centro della propria vita Cristo, “che con la Sua Passione, Morte e Resurrezione, per mezzo della croce, ha vinto Satana”.

L’organizzazione dell’incontro è stata affidata soprattutto al Coordinamento Generale degli Esorcisti esistente nell’arcidiocesi di Città del Messico.

Padre Pedro Mendoza Pantoja coordina l’operato di otto esorcisti, uno per ogni vicaria territoriale dell’arcidiocesi.

Tra i relatori internazionali che hanno partecipato all’incontro, padre Giancarlo Gramolazzo, Presidente dell’Associazione Internazionale degli Esorcisti con sede a Roma, e padre Gabriele Amorth, esorcista della diocesi di Roma e fondatore dell’Associazione.