Quel libro non s'ha da pubblicare...

Costanza Miriano commenta i tentativi di censura della traduzione spagnola di "Sposati e sii sottomessa"

Roma, (Zenit.org) Luca Marcolivio | 1283 hits

Dopo il grande successo ottenuto in Italia, dove nel 2011 è stato il “caso letterario” dell’anno nella saggistica, Sposati e sii sottomessa è stato pubblicato anche in Spagna. La traduzione spagnola dell’opera prima di Costanza Miriano è arrivata in poche settimane all’ottavo posto nella classifica dei libri venduti su Amazon.

Il tutto con grande rabbia delle femministe spagnole, mentre al Parlamento di Madrid, il PP, il PSOE e la IU hanno annunciato provvedimenti per il ritiro dal commercio di Casate y sé sumisa.

Raggiunta telefonicamente da ZENIT, Costanza Miriano ha spiegato i contorni della vicenda, ribadendo al tempo stesso la propria determinazione nel sostegno alle proprie idee sulla donna e sulla famiglia.

Cosa sta succedendo? Perché la pubblicazione del tuo libro in Spagna sta suscitando così tanto scompiglio?

Costanza Miriano: L’altra mattina sono stata svegliata da una collega che mi chiedeva una domanda “facile facile”: “mi spiega la sottomissione in un minuto e 45 secondi?”. E io: “Guardi, ci ho messo un libro intero per spiegarlo, non ce la faccio in un minuto e 45 prima del caffé…”. Poi, all’ottava, nona telefonata, ho domandato: “Scusi, come mai tutti mi stanno chiamando? Che sta succedendo?”. Davvero non me l’aspettavo… Sposati e sii sottomessa è uscito in Italia nel 2011 e suscitò curiosità, anche qualche critica negativa, ma non scandalo come in Spagna, dove tre partiti hanno chiesto che venga ritirato dal mercato. In questo momento è in corso una riunione a Granada per decidere se sporgere una denuncia alla Procura.

Quali sono le argomentazioni usate contro la tua opera?

Costanza Miriano: L’accusa che mi viene fatta è che il mio libro sarebbe un’apologia della violenza sulle donne. Un fatto da sottolineare è che è stato pubblicato dalla casa editrice della diocesi di Granada, il cui arcivescovo Javier Martinez ha fatto una dichiarazione sull’aborto, da lui definito come la “massima violenza sul corpo delle donne”; molte donne si sono sentite offese per questo, perché questa affermazione sminuirebbe la violenza compiuta sulle donne dagli uomini. Tuttavia, se mai una donna subisse violenza da parte del suo uomo, le ricorderei che anche la Chiesa suggerisce alle donne di allontanarsi da casa, in certi casi; mai la Chiesa ha detto di prendere botte, il martirio non è mai richiesto.

E i giornalisti che ti hanno chiamato, cosa ti hanno chiesto?

Costanza Miriano: Tutti i giornalisti che mi hanno chiamato non avevano letto il libro. A tutti ho chiesto quale passaggio fosse offensivo o incitasse alla violenza. Una collega mi ha risposto che sono controversi i punti in cui scrivo: “dà ragione a lui”, “fate un figlio”, “obbediscigli”. Allora io ho cercato di spiegarle che il mio libro riflette sul nodo di peccato femminile che è il desiderio di controllo. Una qualità buona di cui Dio ci ha dotate è quella di saper educare, è la nostra prima chiamata. Eppure questa nostra qualità può essere utilizzata anche male, per manipolare, non permettere agli altri di essere. E intorno a noi vediamo tante donne indurite da questo desiderio di controllo, di potere.

Mi sembra che questo invito alla sottomissione sia, piuttosto, un invito alla donna a riscoprire la sua vera bellezza, la sua chiamata a sciogliersi, a scrollarsi di dosso queste durezze, a trovare le sue qualità e capacità di madre. Mi sembra sia un libro pieno di complimenti per le donne, no? Certo, tra le mie lettrici non tutte saranno entusiaste, alcune saranno non completamente o per niente d’accordo con me ma tantissime mi hanno scritto, complimentandosi: “mi hai restituito la mia vera bellezza”, “quello che ho sempre pensato e che nessuno mai diceva”, “quello che io stessa non avevo il coraggio di dirmi”, “mi hai aiutato a ritrovare la mia vera vocazione”, “mi sono finalmente decisa a sposarmi”, “ho fatto un altro figlio”… Mi sembra un libro positivo, che fa una proposta, che non impone un giogo alle donne.

Non è paradossale che dei partiti di sinistra, di orientamento libertario vogliano sopprimere la libertà di opinione di una donna?

Costanza Miriano: In nome della libertà, viene tolta la libertà. Qualcuno mi ha suggerito di fare anch’io una denuncia. Eppure mi sembra ci siano in commercio libri di grande successo, con scene hard che coinvolgono donne, che mi sembrano molto più lesive della dignità femminile. Quello che tocca il nervo scoperto di tutto è però l’autodeterminazione: poter essere libero di decidere cos’è il bene e cos’è il male, persino se essere maschio o femmina. E l’ideologia del gender non verrebbe imposta con la forza se fosse qualcosa di naturale. Allo sfondo di tutto c’è sempre il rifiuto di un Dio Padre che ci dice cos’è il bene e cos’è il male. È lo stesso rifiuto – che si manifesta con la contraccezione e con l’aborto – di accogliere la parola del Padre sulla vita. Quindi è più tollerata la storia di una sadomaso, di una vittima volontaria di pratiche erotiche, rispetto a una che ti dice: fidati di tuo marito, obbediscigli, fai uno sforzo di vedere il bello di quello che lui dice e fa… Questo viene giudicato scandaloso perché offende il pilastro della concezione odierna dell’uomo: io sono al centro e non ascolto nessuna voce che non venga da dentro di me. Alla fine è il rifiuto di Dio al centro di tutto. Non c’è parola più scandalosa di “sottomissione” o “obbedienza”. Perfino “morire” fa meno scandalo. Sposala e muori per lei ha fatto meno scandalo, eppure è più forte il verbo “morire” che il verbo “sottomettere”. La morte, però, è meno tabù della sottomissione: rinunciare alla propria sottomissione è il tabù più grande, a mio parere.

In Italia ancora non è stata approvata la legge contro l’omofobia e già sta scatenando la caccia alle streghe omofobe; in Francia sindaci e cittadini comuni vengono arrestati per il solo fatto di difendere la famiglia naturale fondata sul matrimonio tra uomo e donna; in Spagna vogliono censurare il tuo libro… Cosa sta succedendo in Europa?

Costanza Miriano: Qualsiasi opinione (a parte le opinioni che siano la difesa di un reato) posta con gentilezza, senza offendere nessuno, deve avere diritto di cittadinanza. Non è concepibile che una persona venga arrestata perché indossa una felpa con il logo di una famiglia padre-madre-figli. Spesso vedo per strada contenuti pornografici che mi inducono a dire ai miei figli: “guardate di là!”. A quanto pare tutte le opinioni possono essere liberamente espresse, tranne quelle che ricordano all’uomo che egli è creatura. È una vera e propria guerra contro Dio e contro l’annuncio che noi siamo creature amatissime. Questo è il contenuto che vorrei fare arrivare alle femministe. Capisco che il mio libro abbia toccato i nervi scoperti di alcune donne su certi temi, magari perché sono state ferite in passato da uomini egoisti o perché hanno delle ferite da perdonarsi: magari hanno abortito… Al centro di tutta questa grande battaglia per l’autodeterminazione c’è questo concetto: io mi autodetermino e se tu mi dici che non è così, devi stare zitto, io rispondo solo alla mia coscienza… Per noi la coscienza è qualcosa che non ti dai da solo ma che, come diceva anche Benedetto XVI, va rettamente formata: è il luogo in cui scopri che è un Altro che ti dice cos’è il bene e cos’è il male. Credo che al fondo tutte queste leggi vogliano impedire che qualcuno ricordi questa realtà dell’uomo: noi non ci determiniamo da soli. Ma è una buona notizia, è LA buona notizia: siamo creature amatissime di un Padre che dà la vita per noi. E quando ci opponiamo contro queste leggi noi non siamo contro gli omosessuali, le femministe o gli abortisti. Siamo contro l’aborto, non contro chi ha abortito. Non siamo contro le persone, né contro nessuno.