Quest'anno cattolici e ortodossi celebrano la Pasqua nello stesso giorno

Motivo di grande gioia per i cattolici greci

| 4500 hits

SIROS (Grecia), lunedì, 2 aprile 2007 (ZENIT.org).- Quest’anno i cattolici e gli ortodossi celebreranno la Pasqua nello stesso giorno, l’8 aprile. Questa coincidenza è diventata motivo di grande gioia per molti cristiani, come ha testimoniato a ZENIT il presidente della Conferenza Episcopale Cattolica Greca.



In genere i cattolici greci, una minoranza in un Paese ortodosso, celebrano – per motivi pastorali – la Pasqua lo stesso giorno della Chiesa ortodossa, per cui si sentono lontani dalle celebrazioni della Chiesa universale.

“Quest'anno anche noi cattolici in Grecia abbiamo la gioia di celebrare la Pasqua con la Chiesa universale”; “l'anno venturo (2008) avremo la differenza di 5 settimane. La Chiesa Cattolica universale celebrerà la Pasqua il 23 Marzo mentre la Chiesa Ortodossa (con la quale noi cattolici Greci celebriamo la Pasqua) celebrerà la Pasqua il 27 Aprile”, ha reso noto monsignor Francesco Papamanolis, dell’ordine dei Frati Minori Cappuccini, Vescovo di Siros, Santorini e Creta.

“Per noi è una sofferenza celebrare la Pasqua separatamente da Roma”, ma è una sofferenza “ancora più grande non celebrare la Pasqua tutti insieme in Grecia”, visto che “molte famiglie sono di mista religione (i matrimoni misti tra cattolico/a e ortodossa/o sono in media del 75%)”, ha aggiunto.

“La diversa data di celebrare la Pasqua crea molti problemi sociali e, per noi, anche problemi pastorali. Il bello sarebbe che si arrivasse ad un accordo e che tutti i cristiani celebriamo la Pasqua tutti insieme”, ha riconosciuto, facendosi eco dell’appello lanciato da Giovanni Paolo II.

Calcolare la data di Pasqua è stato a lungo un problema che vide cimentarsi astronomi e matematici.

Il Concilio di Nicea stabilì che dovesse cadere la domenica dopo il primo plenilunio seguente l'equinozio di primavera.

Ancora oggi la data si individua sulla base dell'equinozio primaverile (21 marzo) e della luna piena (il che la rende “mobile”).

A fare la differenza sono i calendari. La Chiesa cattolica segue quello gregoriano (riformato da Gregorio XIII nel 1582), la Chiesa ortodossa quello giuliano (stabilito da Giulio Cesare nel 46 a.C.).

La prossima volta che la Pasqua coinciderà per cattolici e ortodossi sarà il 4 aprile 2010.