Questo sabato festa mondiale della famiglia dedicata al Papa

Parteciperanno 77 Paesi dei cinque continenti con Roma come asse centrale

| 854 hits

ROMA, giovedì, 14 aprile 2005 (ZENIT.org).- Questo sabato, 16 aprile, si celebrerà in 77 Paesi dei cinque continenti la “Familyfest 2005”, una festa dedicata “al Papa della famiglia”.



L’evento, che è stato presentato alla stampa questo mercoledì nella sede della RAI, avrà in questa occasione come asse centrale la piazza del Campidoglio, a Roma.

La festa è stata preparata da tempo da “Famiglie Nuove” (diramazione dei Focolari) con l’adesione di movimenti, associazioni, istituzioni civili e religiose di varie fedi.

“Dopo la scomparsa del Papa, è venuto spontaneo dedicargli questo happening sul modello di famiglia da lui sognata e proposta – hanno spiegato gli organizzatori durante una conferenza stampa –. Il programma farà rivivere alcuni dei momenti forti vissuti con Giovanni Paolo II dalle famiglie di tutto il mondo”.

Per questo motivo, il titolo scelto per l’incontro, al quale è prevista la partecipazione di oltre 150.000 persone, è “Familyfest 2005… al Papa della famiglia”.

Si collegheranno all’incontro via satellite anche quanti partecipano alla “Familyfest” di Tokyo (Giappone), Teheran (Iran), Algeri (Algeria), San Paolo (Brasile), Manila (Filippine), Johannesburg (Sudafrica), Krasnojarsk (Siberia), Toronto (Canada) e Zagabria (Croazia).

Il programma verrà ripreso da oltre 40 emittenti televisive di 37 Paesi, grazie a Telespazio.

In Italia verrà trasmesso da RAIUNO alle 15.00 ora di Roma.

“La Familyfest vuole rendere visibile un tipo di famiglia che crede nei valori e diviene cellula base di una società rinnovata”, ha spiegato nella conferenza stampa Anna Maria Zanzucchi, promotrice insieme al marito Danilo di “Famiglie Nuove”.

L’incontro inizierà con un filmato di immagini e parole di Giovanni Paolo II sulla famiglia.

Seguiranno storie di famiglie: dal fidanzamento al matrimonio, dai momenti di crisi all’apertura ad adozioni difficili.

Sul fronte della pace, ci sarà la testimonianza di due madri, una israeliana e una palestinese. Non mancheranno momenti di riflessione, commenti di esperti e brevi interventi di volti noti dello spettacolo.

“Dai collegamenti in diretta con Tokyo, con Algeri e con Teheran verrà messo in rilievo l’apertura interreligiosa con saluto e testimonianze di famiglie buddiste e musulmane”, ha spiegato a ZENIT Carla Cotignoli, responsabile dell’ufficio stampa.

“Numeri artistici e di folclore introdurranno le dimensioni della poesia, della bellezza, del gioco, componenti tipiche della famiglia”, ha aggiunto.

L’intervento conclusivo sarà affidato a Chiara Lubich, presidente e fondatrice dei Movimento dei Focolari.

In occasione della “Familyfest” verrà lanciato in diretta dall’Ultrastadion di Manila il progetto “Una famiglia, una casa”.

Il progetto, nato dalle famiglie dei quartieri più diseredati della metropoli filippina, si estende ora anche a Thailandia e Sri Lanka colpite dallo “tsunami” e alle periferie di Cochabamba in Bolivia.

[Per ulteriori informazioni: www.familyfest2005.org]