Riaperto lo "Stedelijk Museum" di Amsterdam

L'edificio del 1895 è stato ampliato con una nuova modernissima ala

| 684 hits

di Paola de Groot-Testoni

AMSTERDAM, sabato, 6 ottobre 2012 (ZENIT.org).- Dopo otto anni di lavori di ristrutturazione, finalmente riapre lo Stedelijk Museum di Amsterdam: il museo di arte moderna e contemporanea della capitale olandese. L’edificio ultracentenario (data 1895) dell’architetto Weissman non riusciva più a ospitare la collezione del museo e contemporaneamente le mostre temporanee, si è pensato quindi di ampliarlo affiancandolo con un secondo edificio progettato dallo studio di architetti.

Quest’ultimo edificio, che si trova nel retro del precedente, diventerà invece il fronte. Si è pensato infatti di “girare” e il museo che d’ora in poi “guarderà” la piazza dei musei dove si trovano anche il Van Gogh e il Museo Nazionale (Rijksmuseum). Un vero gioiello di architettura contemporanea questa nuova ala che sovrappone ad una struttura completamente in vetro un grande tetto bianco che ospita anche dello spazio espositivo.

D’ora in poi proprio questa ala ospiterà le mostre temporanee (la prima sarà una retrospettiva di Mike Kelley, scomparso quest’anno, dal 15 dicembre al 1 aprile 2013) mentre la parte antica potrà ospitare degnamente la collezione permanente che include, tra gli altri quadri del calibro di Van Gogh, Picasso, Mondrian e Malevich. Contemporaneamente si potrà visitare anche una parte dedicata al design moderno con pezzi molto importanti e a volte unici degli ultimi 100 anni.

* Per info: http://www.stedelijk.nl/