Rinuncia dell'Esarca Apostolico per i fedeli ucraini di rito bizantino residenti in Francia e nomina del successore

Brevi della Sala Stampa della Santa Sede/3

| 896 hits

CITTA' DEL VATICANO, sabato, 21 luglio 2012 (ZENIT.org).– Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell'Esarcato Apostolico per i fedeli Ucraini di rito bizantino residenti in Francia presentata da S.E. Mons. Michel Hrynchyshyn, Vescovo tit. di Zigri in conformità al can. 210 § 1 del CCEO.

Il Papa ha nominato Esarca Apostolico per i fedeli Ucraini di rito bizantino residenti in Francia il Rev.do Borys Gudziak, al presente Rettore dell’Università Cattolica Ucraina, assegnandogli la sede titolare Vescovile di Carcabia.

Rev.do Borys Gudziak

Il Rev.do Borys Gudziak è nato a Syracuse (NY, USA) il 24 novembre 1960. I genitori, entrambi greco-cattolici ucraini, erano giunti a New York dalla regione di Lviv all’inizio degli anni cinquanta.

Terminati gli studi pre-universitari presso la Christian Brothers Academy, si è laureato presso l’Università di Syracuse, ottenendo un doppio diploma in filosofia e biologia (1980).

E’ entrato nel Collegio di Santa Sofia a Roma dove, come alunno dell’Arcieparchia di Lviv, ha frequentato la Pontificia Università Urbaniana. Nel 1983 si è laureato in teologia.

Nel 1992, si è trasferito stabilmente a Lviv dove ha fondato l’Istituto di Storia della Chiesa (ISC), diventandone Preside fino all’ottobre 2002. Il Cardinale Myroslav Ivan Lubachivsky, Arcivescovo Maggiore di Lviv degli Ucraini, lo ha nominato nel 1993 Presidente della Commissione per il Rinnovamento dell’Accademia Teologica di Lviv.

Dall’ottobre 1994 fino al luglio 1995 ha frequentato il Pontificio Istituto Orientale, approfondendo in particolare la sintesi neopatristica del teologo ortodosso Georgij Florovskyi.

Dal 1995 è stato Vice Rettore e dall’anno 2000 è diventato Rettore dell’Accademia Teologica e successivamente Rettore dell’Università Cattolica Ucraina di Lviv.

E’ stato ordinato sacerdote il 26 novembre 1998 nella Chiesa di San Giorgio, incardinandosi nell’Arcieparchia di Lviv degli Ucraini.

E’ autore di oltre 50 studi sulla storia della Chiesa, sulla formazione teologica e su diversi temi di attualità culturale.