Rio 2013: un cuore che batte per noi

Presentato il logo della prossima Giornata Mondiale della Gioventù

| 1245 hits

di Maria Emilia Marega Pacheco

ROMA, giovedì, 9 febbraio 2012 (ZENIT.org) – È stato divulgato il logo ufficiale della Giornata Mondiale della Gioventù 2012 di Rio de Janeiro. L’immagine è stata presentata ieri presso l’auditorium dell’edificio “Giovanni Paolo II”, nel distretto di Gloria, in Brasile.

La cerimonia si è tenuta alla presenza di monsignor Orani João Tempesta, arcivescovo di Rio e vicepresidente del Comitato Organizzatore Locale, affiancato da monsignor Paulo Cezar Costa e monsignor Antonio Dias Duarte, responsabili dei settori che compongono il Comitato.

Erano inoltre presenti l’arcivescovo di Aparecida e presidente della Conferenza Episcopale Brasiliana, il cardinale Raymundo Damasceno, e il segretario della Congregazione dei Vescovi, monsignor Lorenzo Baldisseri.

Hanno partecipato all’evento, circa cento vescovi - riuniti presso il Centro Studi di Sumaré, per il XXI Corso per Vescovi, promosso dall’Arcidiocesi di Rio - il governatore di Rio, Sergio Cabral, il sindaco Eduardo Paes, i segretari statali e municipali, vari uomini politici ed altre autorità.

È stato monsignor Tempesta ad annunciare il nome del vincitore del concorso indetto per la realizzazione del logo: si tratta del venticinquenne Gustavo Huguenin, originario di Cantagalo, città dell’entroterra montuoso della Regione di Rio.

“Desidero esprimere la mia eterna gratitudine a Dio per la realizzazione di questo sogno: oggi è un giorno che non avrei mai immaginato in vita mia, eppure è realtà. Sono immensamente felice di essere un giovane che può proclamare a tutto il giorno la sua gioia di essere parte della Santa Chiesa Cattolica”, ha dichiarato Huguenin.

Il sindaco di Rio, Eduardo Paes, ha detto che la città si mobiliterà per dare vita alla più grande GMG della storia. “Sarà un incontro d’amore, di pace e di valori cristiani”, ha affermato Paes.

Per il governatore di Rio de Janeiro, Sergio Cabral, si tratterà di un momento di cambiamento per Rio. “Dopo che il Cristo è diventato una delle sette meraviglie del mondo, Rio è diventata più audace. E questo avvenimento pacificherà la città. Sarà l’evento degli eventi e faremo il possibile perché sia la più straordinaria di tutte le GMG”, ha affermato Cabral.

L’arcivescovo di Rio ha spiegato che il logo contiene i boschi, il mare, il Pan di Zucchero e tutte le meraviglie di Rio. “Tutti noi siamo come questo marchio. Qui c’è un cuore che batte forte e dice: venite ad avere questa esperienza con Dio”, ha dichiarato monsignor Tempesta.

Al momento della presentazione del logo, la statua del Cristo Redentore che domina la città, è stata illuminata di giallo e verde, con riferimento ai colori nazionali del Brasile.

Per ulteriori informazioni: www.rio2013.com/pt

[Traduzione dal portoghese di Luca Marcolivio]