Ritrova la fede studiando la Sindone

Barrie Schwortz, il fotografo ebreo della Sindone racconta la sua storia all'Ateneo Pontificio Regina Paostolorum

| 1537 hits

di Andrew Dalton, LC

ROMA, martedì, 3 aprile 2012 (ZENIT.org).- Barrie Schwortz è stato il fotografo ufficiale per la Shroud of Turin Research Project (STURP), il team che ha condotto il primo approfondito esame scientifico della Sindone nel 1978.

Attualmente svolge un ruolo importante nella ricerca sulla Sindone e nella sua spiegazione e divulgazione. E’ editore e fondatore del sito Shroud of Turin Website (www.shroud.com), noto come il più documentato e approfondito sito internazionale sulla Sindone. Conta più di dieci milioni di visitatori provenienti da oltre 160 paesi. Nel 2009Barrie Schwortzha fondato laShroud of Turin Education and Research Association, Inc..(Stera, Inc.),un'organizzazione non-profit alla quale ha donato il sito e la sua raccolta fotografica sulla Sindone, al fine di preservare e mantenere materiale prezioso per la ricerca futura e di studio. 

Schwortz ha condotto conferenze sulla Sindone in tutto il mondo. È apparso in programmi e documentari su ogni trasmissione importante e rete televisiva via cavo, tra cui The History Channel, Discovery Channel, Learning Channel, National Geographic Channel, CNN, PBS, BBC, Fox News, Channel 1 Russia, ecc.. Le sue fotografie sono apparse in centinaia di libri e pubblicazioni tra cui Life Magazine, National Geographic, Time Magazine e Newsweek, e in numerosi documentari televisivi. Ha scritti innumerevoli articoli sulla Sindone. E’ co-autore di un libro con Ian Wilson intitolato "The Turin Shroud: The Illustrated Evidence” pubblicato nell'agosto 2000 da MichaelO'Mara Libri, Ltd., London, e distribuito da Barnes & Noble negli Stati Uniti

In una intervista concessa a ZENIT, ha raccontato come lo studio della Sindone lo ha condotto a conoscere Dio e a essere un uomo di fede.

L’intervista si è svolta a Roma, presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum dove Barrie Schwortz ha tenuto delle lezioni all'Istituto di Scienza & Fede nell’ambito del corso per il Diploma di specializzazione in Studi Sindonici (http://www.uprait.org/index.php?option=com_content&view=article&id=793)

Il corso si svolge in collaborazione con Othonia e il Centro Internazionale di Sindonologia di Torino. 

Cosa ha significato questa esperienza per lei?

La parte migliore dell'esperienza è stata la calda accoglienza che la facoltà e gli studenti mi hanno riservato. Mi hanno confermato l’importanza della mia esperienza scientifica e di fede. E’ anche abbastanza paradossale che un ebreo insegni in una Facoltà Pontificia.La prima volta che mi hanno chiesto di tenere le lezioni ho detto: "Capita spesso di portare un ebreo a parlare della Sindone ai futuri sacerdoti?” e tutti sono scoppiati a ridere.

E’ stato davvero un grande onoreper me, poter portare la mia testimonianza sugli studi condotti sulla Sindone.

Quanto tempo ha impiegato ad accettare l’idea che la Sindone di Torino fosse il telo autentico in cui è stato avvolto Gesù?

Schwortz: All'inizio del mio lavoro, ero molto scettico sulla sua autenticità. Non provavo nessuna emozione particolare nei confronti di Gesù perché sono stato cresciuto come un Ebreo ortodosso. L’unica cosa che sapevo di Gesù era che anche lui era un ebreo, e questo era tutto.

Esaminando la Sindone, ho capito subito che non era dipinta. Guardandola da vicino è evidente che non si tratta di un dipinto.

Per quanto riguarda la sua autenticità però ci sono voluti altri 18 anni di studio e di prove.
Non era completamente convinto dell’autenticità fino a quando il chimico del sangue Allen Adler, un altro ebreo che faceva parte del gruppo di studio, mi ha spiegato perché il sangue è rimasto rosso sulla Sindone. Il sangue vecchio doveva essere nero o marrone, mentre il sangue sulla Sindone è di un colore rosso-cremisi. Mi sembrava inspiegabile invece eral'ultimo pezzo del puzzle. Dopo quasi 20 anni di indagini è stato uno shock per me scoprire che quel pezzo di stoffa era il telo autentico in cui era stato avvolto il corpo di Gesù. Le conclusioni a cui ero arrivato si basavano esclusivamente sull’osservazione scientifica.

Per quanto riguarda l'autenticità, i risultati della datazione al radiocarbonio del 1988 sono in contraddizione con le sue conclusioni.

Schwortz: Non sono un fisico, quindi non ho capito bene perché la datazione al radiocarbonio è stato così distorta. Per dieci anni avevamo esaminato il panno era eravamo convinti che fosse vero. Dai risultati della datazione al carboniouna parte del mondo ha cominciato a manifestare dubbi sull’autenticità.

Quale secondo Lei il significato della Sindone?

La Sindone non è stata trovata con un libro di istruzioni e, di conseguenza, il significato non si trova sul telo, ma negli occhi e nel cuore di chi guarda. Per me, una volta giunto alla conclusione scientifica che il telo fosse autentico, sono arrivato a capirne anche il significato. Si tratta del documento forense della Passione, e per i cristiani di tutto il mondo è la reliquia più importante, perché documenta con precisione tutto ciò che viene detto nei Vangeli di ciò che è stato fatto a Gesù.

Penso che ci siano abbastanza prove per dimostrare che quello è il telo che ha avvolto il corpo di Gesù. Non si tratta di dimostrare che lui fosse il Messia, non sto discutendo una questione di fede, sto solo dicendo che dal punto di vista scientifico quel telo ha avvolto il copro dell’uomo di cui si parla nei Vangeli.

In che modo la scoperta progressiva dei dati sulla Sindone ha influenzato il suo cammino di fede?

All’inizio dell’indagine, sapevo di Dio, ma non era molto importante nella mia vita. Non avevo pensato a Dio, da quando avevo 13 anni e aveva avuto il mio bar mitzvah,  (il momento in cui un bambino ebreo raggiunge l'età della maturità e diventa responsabile per se stesso nei confronti della legge ebraica ndr). Non ero molto religioso, era quasi un obbligo per la mia famiglia. E 'stato molto importante per loro, ma per me non ha avuto un grande significato. Da allora mi sono allontanato dalla fede, dalla religione e da Dio, fino a quando non ho raggiunto i 50 anni.

Quandonel 1995 sono arrivato alla conclusione che la Sindone era autentica, ho costruito il sito shroud.com. Ho iniziato a raccogliere il materiale e l’ho messo a disposizione del pubblico.

Ho iniziato a parlare pubblicamente della Sindone intorno al 1996.

Quando la gente ha iniziato a chiedermi se ero un credente, non trovavo la risposta.

A quel punto mi sono interrogato ed ho trovato Dio che mi stava aspettando. Quando ho guardato nel mio cuore, lui era lì. È stato uno shock. Ero davvero sorpreso di vedere che dentro di me c’era la fede in Dio. Fino a 50 anni avevo praticamente ignorato la fede ed improvvisamente mi sono trovato faccia a faccia con Dio nel mio cuore.

In sostanzaposso dire che la Sindone, è stato il catalizzatore che mi ha riportato a Dio.

Quanti sono gli ebrei che possono dire che la Sindone di Torino li ha portati di alla fede in Dio? 

Quel telo ha avuto un grande significato nella mia vita non solo dal punto di vista scientifico e intellettuale, ma anche da un punto di vista spirituale, nel senso che mi ha ricollegato con qualcosa che è molto importante per me: la fede in Dio.

Quali sono gli obiettivi futuri avete per shroud.com?

Il progetto più imminente è quello di raccogliere i fondi per archiviare digitalmente tutti il materiale disponibile e archiviarlo in un unico luogo, i futuri ricercatori potranno avere accesso a questo materiale, senza alcun costo.