"Sarebbe meglio un Europa più francescana"

Lo ha detto il Viceministro delle Finanze Tedesco in visita alla Basilica di San Francesco ad Assisi

| 874 hits

ROMA, sabato, 5 maggio 2012 (ZENIT.org).- “Sarebbe meglio un Europa più francescana”. Lo ha detto Hartmut Koschyk, Viceministro delle Finanze Tedesco in visita alla Basilica di San Francesco ad Assisi.

Secondo quanto riportato dal sito www.sanfrancesco.org, il Viceministro tedesco avrebbe affermato che “Il pensiero francescano e’ caratterizzato da fraternità, bontà e solidarietà, virtù che possono contribuire a una nuova etica economica” per questo motivo “Sarebbe meglio un'Europa più francescana".

"La dignità umana – ha detto Koschyk nell'intervista al sito – deve essere il fondamento della nostra politica economica e finanziaria. I mercati devono servire gli uomini e non devono orientarsi soltanto all'arricchimento personale".

"Assisi è già luogo del dialogo interreligioso – ha aggiunto il viceministro - e può essere anche luogo dove può nascere una nuova etica economica. Il sistema finanziario deve essere organizzato secondo il principio della giustizia cristiana in modo che la gente possa vivere secondo pace e giustizia, proprio questa è la spiritualità francescana che potrebbe influenzare la nostra vita politica. L'Europa – ha poi osservato - è una sola ed è necessario camminare insieme per affrontare questa crisi economica. Non c'è nessun Paese che può affrontarla da solo".

Al termine della sua visita alla Basilica di San Francesco - e’ la sua terza volta ad Assisi - Koschyk ha avuto un colloquio con il custode del Sacro Convento, padre Giuseppe Piemontese, che era accompagnato da padre Thomas Freidel, della comunità del Sacro convento, di nazionalità tedesca. "E' sempre un piacere ritornare ad Assisi – ha detto ai frati - perché e’ un luogo di profonda spiritualità e grande fede".