Scienza e fede non si contraddicono, afferma Giovanni Paolo II

Nel ricevere il titolo di Nel ricevere il titolo di dottore honoris causa dall’Università Nicolò Copernico di Toruń (Polonia)

| 115 hits

CITTA’ DEL VATICANO, martedì, 23 novembre 2004 (ZENIT.org).- Questo martedì nell’udienza concessa ai membri del Senato Accademico dell’Università "Nicolò Copernico" di Toruń (Polonia), Giovanni Paolo II ha invitato gli uomini di fede e di scienza a non camminare da soli, ma a procedere insieme nella ricerca della “stessa verità”.





Questa mattina nel ricevere l’Università polacca, guidata dal suo rettore il professor Jan Kopcewicz, il Santo Padre ha ringraziato del titolo di dottore honoris causa a lui concesso, affermando di accettarlo con gratitudine “come segno di dialogo tra la scienza e la fede, in continuo sviluppo”.



Nel richiamare la sua visita all’Ateneo polacco compiuta nel giugno del 1999, nel corso del suo 87° viaggio apostolico fuori dall’Italia, il Pontefice ha detto: “Ricordo anche di aver parlato allora proprio di questo dialogo, che è chiamato a superare la contrapposizione illuministica della verità raggiunta dalla ragione e di quella conosciuta mediante la fede”.



“Oggi comprendiamo sempre meglio che si tratta della stessa verità e che bisogna che gli uomini, giungendo ad essa sulle vie a loro proprie, non camminino da soli, ma cerchino la conferma delle proprie intuizioni anche nell’incontro con altri”, ha aggiunto.



Solo a quel punto, ha sottolineato, gli studiosi e gli uomini di cultura potranno assumersi la "responsabilità per la verità – il tendere ad essa, il difenderla e il vivere secondo essa", ha affermato ricordando le parole pronunciate allora.



“Mi rallegro perché l’Università Nicolò Copernico si sta sviluppando in modo dinamico, offrendo la possibilità di conseguire la scienza a un numero sempre maggiore di giovani”, si è poi complimentato con loro Giovanni Paolo II, auspicando che anche la Facoltà di Teologia possa contribuire nella giusta maniera.



Fondata nel 1945 a Toruń, l’Università Nicolò Copernico, dotata di 11 Facoltà, è la più vasta Università del nord della Polonia. Conta 1.368 docenti e un totale di 34.000 iscritti, di cui 508 sono dottorandi.



Il peso dato da questa Università allo studio scientifico è dimostrato dal suo Centro di Astronomia che ospita un radiotelescopio di 32 metri, il terzo più grande in Europa.



“Non vi è in una nazione una ricchezza maggiore di quella di essere formata da cittadini dotti”, ha quindi auspicato prima di congedarsi.