Seminario sul Kazakhstan alla Università Europea di Roma

Mercoledì 25 giugno, alle 11, una tavola rotonda sul modello di dialogo di inter-etnico e inter-confessionale della Repubblica centroasiatica

Roma, (Zenit.org) | 279 hits

Il Kazakhstan è uno dei Paesi più variegati del mondo, con oltre 130 gruppi etnici e 40 confessioni. La strategia perseguita per governare su una realtà così eterogenea è stata la creazione di una identità “kazakistana”, ossia civile, laica e sovranazionale, che ambisce a garantire una convivenza pacifica proponendosi come modello di dialogo tra civiltà. Questo modello è studiato e spiegato in un volume daò titolo L’unità nella diversità: religioni, etnie e civiltà nel Kazakhstan contemporaneo, frutto di una ricerca dell’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliare (IsAG) curata da Dario Citati e Alessandro Lundini col contributo di vari ricercatori.

L’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG) in collaborazione con l’Università Europea di Roma (UER), organizza presso la sede dell’Ateneo una nuova presentazione di questa ricerca, occasione per discutere del dialogo di civiltà, della realtà del Kazakhstan e anche dei rapporti con l’Italia a pochi giorni dalla visita del Presidente del Consiglio Matteo Renzi a Astana.

L’appuntamento è per mercoledì 25 giugno 2014, ore 11.00, presso l’Aula Master del Primo Piano dell’Università Europea di Roma, Via degli Aldobrandeschi 190. Interverranno S.E. Andrian Yelemessov (Ambasciatore della Repubblica del Kazakhstan in Italia), Padre Luca Gallizia (Rettore dell’Università Europea di Roma), Tiberio Graziani (Presidente dell’IsAG), Francesca Romana Lenzi (Docente di Storia dell’Europa Orientale all’UER) e i due co-autori dell’opera Dario Citati e Alessandro Lundini.

L’incontro è aperto al pubblico anche esterno all’Ateneo.