"Senza contributi è in pericolo la democrazia informativa"

L'allarme lanciato da Francesco Zanotti, presidente della Federazione italiana settimanali cattolici

| 547 hits

ROMA, giovedì, 6 dicembre 2012 (ZENIT.org / Copercom) - “La democrazia informativa è in pericolo. Il grande pubblico non se ne accorge, ma rischiamo di trovarci solo con pochi giornali disponibili in edicola”. È questo l’allarme lanciato da Francesco Zanotti, presidente della Federazione italiana settimanali cattolici, in un video editoriale per il Copercom.

Il presidente della Fisc affronta la questione dei contributi pubblici all’editoria, ricordando che “sono nati ed esistono per favorire il pluralismo nell’informazione, per controbilanciare un mercato pubblicitario tutto a vantaggio dei grandi network”.

Infine Zanotti chiede il ripristino dei contributi “nel loro ammontare, anche perché sono ben poca cosa all’interno del bilancio statale. E di quel poco noi settimanali cattolici percepiamo briciole di contributi. Briciole comunque necessarie per continuare ad esistere, a dare voce a chi non ce l’ha, come facciamo da oltre un secolo, in ogni angolo d’Italia”.