Simona Atzori: volare alto anche senza le ali

Una donna splendida, ballerina e pittrice, nata priva delle braccia

Roma, (Zenit.org) Sabrina Pietrangeli | 1481 hits

“Dottore, ma lei se la comprerebbe un’auto nuova già sapendo che le manca uno sportello?”. Questa fu la geniale domanda che un papà, estremamente sconvolto e contrariato nel constatare che alla sua bambina tanto attesa mancava semplicemente il dito di una delle due manine, pose al ginecologo che timidamente cercava di far capire che non era questa gran tragedia. Non ci fu nulla da fare… la piccola venne abortita.

Chissà se a questo genitore sarà poi capitato il privilegio di conoscere la storia di Simona Atzori. Una donna splendida, ballerina e pittrice, nata priva delle braccia. Sono rimaste in cielo, probabilmente un angelo ha dimenticato di attaccarle nella fretta di mandarla giù, per deliziare la vista ed i sensi di tantissime persone.

Simona ha 37 anni, ed è un concentrato di grazia, luce, energia, gioia e fede. Di se stessa dice: “Sorrido in tanti modi, amando, dipingendo, danzando. Nel mio mondo, sorridere significa solamente “vivere”. Non ne hanno fatto una tragedia, i suoi genitori. Certo, inizialmente il colpo deve essere stato duro; eppure, con l’amore, con la serena accettazione di colei che era e rimaneva figlia nonostante la mancanza dei due arti, sono riusciti ad accompagnare la loro bambina nel percorso di vita che l’attendeva, offrendole delle alternative.

“Se non hai le braccia, hai però le tue gambe. Se non hai mani, hai però i piedi”. Questo deve essere stato il pensiero di papà e mamma Atzori. Detto, fatto: la piccola inizia a quattro anni a dipingere come autodidatta… a sei, comincia a danzare. Si laurea in Visual Arts in Canada.

Cresce collezionando successi: tantissime le manifestazioni artistiche a cui partecipa, considerando l’eccellenza di entrambe le sue attività, quella di pittrice e quella di ballerina classica.

Nel 2000 è ambasciatrice per il Giubileo, aprendo così le porte alla danza per la prima volta all’interno della Chiesa. Nel 2006, a Torino, inaugura la cerimonia di apertura delle Paraolimpiadi.

La sua fede in Dio è semplice e naturale, come lei: “Ho un rapporto diretto con il Signore – dice – lo ringrazio perché mi ha creato, disegnato nel modo in cui io sono, e mi ha dato una vita straordinaria. Non amo pensare che mi abbia tolto qualcosa. Mi ha pensata così, e così Simona doveva essere”.

Una testimonianza straordinaria, soprattutto donataci da una donna veramente bella; come è sorprendente nei video diffusi su YouTube, il vederla affaccendarsi nel trucco o nell’indossare gli orecchini, usando i suoi piedi come fossero delle mani. Piedi con cui riesce a fare di tutto: scrivere, dipingere, addirittura guidare la sua auto: “ho preso la patente perché volevo sentirmi libera, avere l’indipendenza di poter girare da sola”.

Ha avuto l’onore di veder ideato un premio dell’arte che porta il suo nome, il “Premio Atzori”, che lei stessa ha consegnato a diverse celebrità tra cui Oriella Dorella e Carla Fracci. La sua storia, insieme a molte altre, è inserita nel libro di Candido Cannavò E li chiamano disabili (Rizzoli), dove una sua splendida fotografia, con lei impegnata in un passo di danza, campeggia sulla copertina.

“Se noi vogliamo esprimere noi stessi, non c’è limite che tenga – aggiunge Simona – i veri limiti esistono in chi ci guarda. Le persone molto spesso mi hanno detto “come si fa a danzare senza braccia, a dipingere con i piedi?”… Per me è normale: l’importante è non lasciare agli altri la possibilità di vedere dei limiti che tu non vedi”.

Questa splendida “libellula” ha molto da insegnare, e noi le auguriamo di proseguire nelle cose che lei ama, e che donano gioia a tutti noi, chiedendole soprattutto di non smettere mai nell’arte di insegnarci il valore della vita, in qualunque condizione.

Sabrina Pietrangeli è fondatore e presidente de La Quercia Millenaria Onlus

* La Quercia Millenaria Onlus - Sede legale: Via del Sassone, 7 - Fiano Romano (RM)
Iscrizione Anagrafe Onlus n. 77064 del 11-10-2006 Codice Fiscale 97432710586
Per sostenere l'operato de "La Quercia Millenaria" puoi effettuare una donazione tramite Conto Corrente Postale n. 75690149, oppure Bonifico Bancario con Iban: IT 26 J 03069 05118 615268186304 con causale "Donazione libera".

Visita il sito: www.laquerciamillenaria.org