Strage nel Connecticut: omicidio e Sindrome di Asperger

I recenti fatti di cronaca devo spingere ad una riflessione, non a facili giustificazioni e stereotipi

| 1492 hits

ROMA, lunedì, 17 dicembre 2012 (ZENIT.org/www.spazioasperger.it) - "La strage avvenuta a Newton, Connecticut, per opera di Adam Lanza. Una vicenda terribile, ma non vorremmo, come invece è accaduto, che si cerchi il capro espiatorio ancora una volta, in qualche 'malformazione' innata del ragazzo, criminalizzando le persone con Sindrome di Asperger ed Autismo".

Sono le parole diffuse dallo Staff di Spazio Asperger in un recente comunicato stampa riguardo alla terribile strage della scuola americana che ha visto la morte di 20 persone.

La notizia degli eventi di cronaca del 14 dicembre, sta rimbalzando freneticamente su i più disparati mezzi di comunicazione. Ogni volta che un adolescente entra in una scuola ed apre il fuoco su persone innocenti, i nostri animi sono sconvolti e proviamo un profondo sentimento di sgomento.

L´essere umano, per sua natura, è alla continua ricerca di un senso nelle cose, soprattutto quando le cose in questioni sono eventi che esulano, per fortuna, da ciò a cui siamo abituati. Esprimiamo quindi cordoglio per le vittime, e il nostro pensiero va a tutti quei piccoli innocenti.

Stiamo parlando dell´omicidio di massa avvenuto a Newton, Connecticut, per opera di Adam Lanza. L´aggressore di 20 anni ha massacrato 20 bambini sparando con due pistole semiautomatiche, legalmente registrate dalla madre, dopo aver fatto irruzione in una scuola.

Una vicenda fuori dal normale, ma non vorremmo, come invece è accaduto, che si cerchi il capro espiatorio ancora una volta, in qualche “malformazione” innata del ragazzo, criminalizzando le persone con Sindrome di Asperger ed Autismo.

Questa mattina abbiamo letto delle cose allucinanti, per altro scientificamente scorrette che mostrano la completa ignoranza di molte persone che dovrebbero piuttosto occuparsi di rotocalchi, e lasciare la scienza a chi la vive per esperienza e soprattutto sulla sua stessa pelle.

I danni di tutto ciò saranno incalcolabili e rischiano di vanificare l'opera di sensibilizzazione che abbiamo fatto finora, con pochi, demagogici, titoli di giornale. L´incomprensione della Sindrome di Asperger aggiungerà vittime ad altre vittime e potrebbe addirittura portare ad una folle "profezia che si autoavvera".

Purtroppo non è la prima volta che la Sindrome di Asperger e l´Autismo finiscono sulle pagine di cronaca. La lista di serial killer e omicidi di massa ascritti a vario titolo allo Spettro Autistico si allarga ogni giorno di più. Diverse persone hanno imputato una personalità autistica a Jeffrey Dahmer e a Theodore Kaczynski (Unabomber), o più recentemente al killer che ha sparato sulla folla alla prima di Batman. Il tutto ovviamente senza nessuna diagnosi ufficiale che supporti le dichiarazioni.

La realtà è ben diversa. Le persone con Sindrome di Asperger, tendono ad avere un sistema emotivo e sensoriale iper-reattivo, tendono più facilmente alla paura e all´ansia che all´euforia e non essendo bravi nel comprendere la mente altrui, tendono a chiudersi su loro stessi e a subire un ambiente che percepiscono come ostile.

E´ vero, l'aggressività è un problema comune, ma è sempre un'aggressività di una persona che reagisce, come un animale in gabbia, non quella di un freddo killer che pianifica un'irruzione o un omicidio di massa. Per quel comportamento c´è un nome a parte, sociopatia.

È possibile che esistano persone sia autistiche che sociopatiche, come esiste qualsiasi combinazione di tratti diversi in tutte le persone ma, la scienza e l´esperienza mostrano chiaramente che il numero di autistici che commettono crimini è uguale a quello delle persone normali e in molti casi è riconducibile ad incomprensioni di natura sociale e non certo ad una indole violenta.

Quello che invece è certo è che molte persone Asperger sviluppano negli anni depressione, ansia e disturbi dell´umore. In parte per motivi genetici, ma in larghissima parte per lo stress a cui sono continuamente sottoposti dalla società in cui viviamo. Per i continui fraintendimenti, per il mobbing, le prese in giro, l´isolamento ed il disagio sociale in cui sono costretti.

Persone che hanno difficoltà ad instaurare relazioni significative con il prossimo e che quando ci provano vengono respinte nel loro angolo. Il tasso di suicidi tra le persone Asperger è 30 volte superiore a quello delle persone “tipiche”. Questo è indice di un eccesso di sensibilità. Questo è indice di essere vittime e non carnefici.

Questo è uno dei motivi per cui il nostro impegno primario è quello di offrire supporto alle persone Asperger e ai loro cari. Questo è il motivo per cui è importante considerare le emozioni delle persone autistiche oltre al loro comportamento. Questo è il motivo per cui è importante educare i bambini ad esprimere i propri sentimenti. E questo è il motivo per cui è la prima volta che decidiamo di intervenire su un fatto di cronaca, perché non è un problema di cronaca. È un problema educativo e culturale.

Altre domande da porsi sarebbero. Perché anni di disagio sociale, come recitato dai giornali per avallare l´ipotesi della Sindrome di Asperger, non hanno attirato dei servizi sociali? Prendeva farmaci o droghe? Perché la madre teneva due pistole semi-automatiche incustodite, dentro casa?

Il problema, quello vero, è la vendita libera delle armi, è una società che bombarda gli adolescenti di violenza e non gli offre strategie alternative per sfogare il disagio. Questa è una realtà che potenzialmente mette le persone più fragili nella condizioni di commettere una strage.

Non si possono vendere liberamente armi. Sono fatte per uccidere.
Non si possono promuovere sistemi in cui la violenza è un mezzo accettato per redimere frustrazioni e questioni spinose.
Ma soprattutto non si può additare una condizione neurologica per un problema sociale.

La cruda realtà: gli Asperger possono uccidere. Come tutti noi. Ma è molto più facile che uccidano loro stessi che gli altri. È molto più facile che siano vittime. Ma le vittime non riempiono le prime pagine dei giornali.

La cronaca va bene. Ma limitiamoci a riportare i fatti senza alimentare stereotipi dannosi. L'Asperger è la moda del momento, nel bene e nel male. Le persone che soffrono del disagio sociale e dell´esclusione che ne deriva soffrivano un tempo. Soffrono oggi. E soffriranno quando i giornali si saranno stancati di questa novità.