Successo di pubblico anche in India per “La Passione di Cristo”

| 542 hits

BOMBAY, giovedì, 13 maggio 2004 (ZENIT.org).- Il film di Mel Gibson, “La passione di Cristo” è arrivato nelle sale cinematografiche indiane il 6 maggio, e nonostante le polemiche che accompagnano la proiezione di questo film, il successo è stato immediato.



Riporta Asia news che a Bombay il film ha battuto il record ai botteghini. Padre Augustine Kanjamala SVD, direttore dell'Istituto della cultura indiana a Bombay, ha dichiarato che: “l'importanza del film sta nel fatto che Gesù come uomo ha difeso valori contrari alla cultura della sua epoca sacrificando la propria vita per la salvezza dell'umanità.E' senza dubbio un film sulla fede cattolica”.

Sono moltissimi i non cattolici che stanno andando a vedere il film di Gibson. Le reazioni raccolte dalle tv, dalle radio e dai giornali all’uscita delle sale cinematografiche mostrano l’enorme impatto che la vicenda della “Passione di Gesù” sta avendo sulla popolazione indiana.

Nel frattempo gli ultimi dati riferiti al 10 maggio affermano che “La Passione di Cristo” ha incassato negli Stati Uniti 368.115.866 dollari, e negli altri paesi 222.663.240 dollari, per un totale di 590.779.106 dollari.

In Italia, secondo i dati aggiornati al 9 maggio, il film uscito il 7 aprile ha incassato 26.517.882. In poco più di un mese ha tenuto una media di 855.416 dollari al giorno pari a circa 721.000 Euro.