Ucraina, il patriarca greco-cattolico invoca la libertà religiosa

Sviatoslav Shevchuk: "La Chiesa non fa politica ma non può nemmeno restare a guardare"

Roma, (Zenit.org) Don Mariusz Frukacz | 529 hits

“La predicazione della pace è particolarmente necessaria quando è possibile una minaccia per la pace”. Così ha risposto il capo della Chiesa Greco-Cattolica in Ucraina, Sviatoslav Shevchuk, alle minacce del governo di Kiev di privare dello status giuridico le autorità delle organizzazioni religiose della Chiesa greco-cattolica ucraina. 

Nel corso di una conferenza stampa, svoltasi ieri, lunedì 13 gennaio, presso Ucraina News, monsignor Shevchuk, ha ricordato che “la gente in piazza si è rivolta alla Chiesa Greco-Cattolica Ucraina e alle altre Chiese, chiedendo il sostegno e una preghiera comune”.

Infatti, in un momento di mancanza del dialogo tra il governo e i cittadini che credono in Dio, si sente una particolare necessità di rafforzare la preghiera per la pace e la tranquillità nel nostro Paese, la cessazione della violenza e calpestando la dignità e i diritti costituzionali del cittadini ucraini, ha dichiarato Shevchuk.

Il Patriarca della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina ha sottolineato che “tale comportamento dei sacerdoti è una realizzazione di idee espresse da Papa Francesco nel suo ultimo documento, l'esortazione apostolica Evangelii Gaudium.  I pastori hanno bisogno di stare con la gente, perché “un pastore dovrebbe avere l'odore delle sue pecore”, ha aggiunto Shevchuk.

Il Patriarca ha sottolineato che, per la prima volta dopo l'indipendenza dell'Ucraina, è stata espressa la  minaccia "della cessazione delle rispettive organizzazioni religiose”. Ciò viene affermato in una lettera ufficiale al ministero della Cultura dell'Ucraina, firmato dal Primo Vice Ministro Timofiy Kokhan.

Il capo della Chiesa Greco-Cattolica in Ucraina ha detto che “la Chiesa non è una parte del processo politico, ma non può stare a guardare quando i suoi fedeli chiedono assistenza spirituale”. Stare con i propri fedeli è il dovere di ogni sacerdote. Questo dovere è collegato con la missione stessa della Chiesa, ha detto monsignor Shevchuk

"La nostra Chiesa è sempre stata fedele a questa missione che Cristo le ha affidato e così rimarrà nel futuro e nonostante le minacce", ha sottolineato il Patriarca.

"La Chiesa si riserva il diritto di valutare la situazione nel paese, se saranno violati i diritti umani e i principi di moralità pubblica che scorre dalla legge di Dio e contenuti nella dottrina sociale della Chiesa", ha detto in un comunicato il Capo della Chiesa Greco-Cattolica in Ucraina.

In conclusione Arcivescovo Maggiore ha affermato che  “l'unico modo per risolvere la crisi socio-politica in Ucraina è un dialogo onesto e aperto tra tutte le parti, il punto di partenza che è la volontà delle autorità di ascoltare la loro gente”.

Anche domenica scorsa, 12 gennaio, nella preghiera ecumenica a Kiev in Euromaidan, il vescovo ausiliare di kijowsko-Żytomierz e amministratore apostolico della diocesi, Luck Stanislaw Szyrokoradiuk ha esortato a “rispettare la dignità dei cristiani in Ucraina”.

Il vescovo, come informa la KAI (Agenzia Cattolica delle Informazioni in Polonia), ha anche sottolineato “la necessità della presenza del clero tra i manifestanti”. La Chiesa non può restare in silenzio guardando l'ingiustizia sociale, ha detto Szyrokoradiuk.

In Euromaidan a Kiev, dal  21 novembre 2013, si svolgono manifestazioni anti-governative. Da alcuni mesi la Piazza dell’Indipendenza (Maidan) è diventata il luogo dove i cittadini ucraini manifestano per rivendicare i diritti e la dignità delle persone.