Un Cardinale denuncia l'inversione di Obama sulle cellule staminali

La definisce una vittoria della politica sulla scienza

| 1036 hits

WASHINGTON, D.C., martedì, 10 marzo 209 (ZENIT.org).- Il presidente del Comitato per le Attività Pro-vita della Conferenza Episcopale Statunitense denuncia l'ordine esecutivo del Presidente Barack Obama che permetterà il finanziamento federale della ricerca sulle cellule staminali embrionali.

Il Cardinale Justin Rigali ha diffuso una risposta all'ordine presidenziale che permetterà che le tasse vengano usate per finanziare gli scienziati per la distruzione di embrioni umani per sviluppare cellule staminali per la ricerca.

"Il nuovo ordine esecutivo del Presidente Obama sulla ricerca sulle cellule staminali embrionali è una triste vittoria della politica sulla scienza e sull'etica", osserva il porporato.

"Questa azione è moralmente sbagliata perché incoraggia la distruzione di vite umane innocenti, trattando gli esseri umani vulnerabili come meri prodotti da immagazzinare".

"Non tiene neanche conto dell'opinione di milioni di contribuenti americani che si oppongono alla ricerca che richiede l'eliminazione di vite umane. Ignora, infine, il fatto che i mezzi eticamente corretti per portare avanti la ricerca sulle cellule staminali e le cure sono facilmente disponibili e hanno bisogno di un maggiore sostegno".

Il porporato ha anche citato una lettera scritta il 16 gennaio dal Cardinale Francis George, presidente della Conferenza Episcopale, a Obama per esortarlo a non permettere il finanziamento di questa ricerca. Il Cardinale George ha espresso tre ragioni per cui questa ricerca è "particolarmente inutile in questo momento".

In primo luogo, ha scritto, "la ricerca sulle potenzialità delle cellule staminali embrionali può essere e viene perseguita usando le linee cellulari attualmente disponibili e le centinaia di linee prodotte con i fondi non federali dal 2001".

"In secondo luogo - ha aggiunto -, molti scienziati pensano che i notevoli progressi recenti nella riprogrammazione delle cellule adulte in cellule staminali simili a quelle embrionali - acclamata dalla rivista "Science" come svolta dell'anno - renderanno le cellule staminali embrionali irrilevanti per il progresso medico.

"In terzo luogo, si sa che le cellule staminali adulte e del cordone ombelicale hanno una grande versatilità, e vengono sempre più usate per curare gravi malattie e anche per ricostruire organi danneggiati".

"Sviare fondi scarsi da queste vie promettenti per la ricerca e la cura indirizzandoli verso la via più controversa a livello morale e più speculativa a livello medico sarebbe una triste vittoria della politica sulla scienza".

L'azione del Presidente Obama inverte il bando del finanziamento federale per questo tipo di ricerca approvato dall'ex Presidente George W. Bush, che ha limitato l'uso dei fondi derivanti dalle tasse alle 21 linee di cellule staminali già sviluppate prima del suo ordine.

"Se il Governo vuole investire nella speranza per le cure e promuovere una scienza eticamente corretta, dovrebbe usare le nostre tasse per la ricerca con cui ogni persona, a qualsiasi stadio dello sviluppo umano, possa vivere", ha dichiarato il Cardinale George.