Un pellegrinaggio a Roma può cambiare la vita

Le testimonianze di alcuni giovani religiosi anglosassoni dopo le Giornate delle Vocazioni assieme al Santo Padre

Roma, (Zenit.org) Ann Schneible | 330 hits

Partecipare tutti insieme a un pellegrinaggio, dice suor Jacinta, una religiosa delle Suore Francescane del Rinnovamento (CFR), i giovani che stanno pensando di seguire la strada del sacerdozio o della vita religiosa, imparano che la vocazione per la quale fanno discernimento “non è difficile, né strana… è qualcosa di molto reale, ed è una parte della nostra vita per scegliere Gesù e seguirlo".

La suora del CFR è stata una di cento pellegrini che sono giunti a Roma la settimana scorsa. Si trattava di un ritiro di quattro giorni, dedicato ai seminaristi, ai novizi e a tutte le persone in cammino vocazionale. Il fine settimana ha incluso nel programma una veglia mariana nei Giardini Vaticani, un’udienza con Papa Francesco, e domenica la messa con il Santo Padre.

Suor Jacinta, che viene dall’Inghilterra, e svariate altre suore del CFR, hanno fatto parte di un gruppo di 80 pellegrini dal Regno Unito. La maggior parte di loro sono giovani nelle varie fasi di discernimento vocazionale.

Parlando con ZENIT della sua esperienza di pellegrinaggio, suor Jacinta ha detto: "Mi sento come se il cuore fosse andato in fiamme.Ho già presoi voti finali.Mi sono giàimpegnata,ma venendoqui a Roma, mi è venuta la voglia didonare ancora di piùeil desiderio didonare tutto quelloche sono etutto quelloche ho,per la Chiesa,per la gente,per essere unamissionaria".

Secondo suor Jacinta l’idea del pellegrinaggio è importante per il processo del discernimento, in particolare per i giovani. "C’è questo senso reale di lasciarsi tutto alle spalle nella tua vita”, ha detto. "Hai bisogno di fermati, di fare un passo più in avanti, e solo lo fai, il Signore può parlare".Type text or a website address or translate a document.

In particolare venire a Roma, ed "essere circondato dalle prove e dalle testimonianze della tua fede da parte di persone che hanno vissuto e sono morte per la fede, è il messaggio più potente e ti fa capire che cosa è più importante nella tua vita," ha detto la suora.

"Improvvisamente dici: il mio lavoro non è così importante, neanche i miei problemi quotidiani. La cosa che conta è rispondere a ciò che Gesù vuole che faccia con la mia vita e di dare la mia vita a Gesù".

"Io stesso ho avuto questa esperienza undici anni fa, quando sono venuta a Roma da giovane, non considerando la possibilità di una vocazione, né vivendo la mia fede in modo davvero ardente”, ha raccontato. "Eppure, il tempo che sono entrata nella Basilica di San Pietro, il tempo che ho pregato sulla sua tomba, il tempo che ho sperimentato una fede di migliaia di anni, ho voluto fare qualcosa di più. Ho voluto dare la mia vita a Gesù".

Attualmente, residente in una casa missionaria a Leeds, in Inghilterra, suor Jacinta e le sue consorelle hanno ricevuto la loro formazione a New York, dove sono state fondate le Suore dell’ordine Francescane del Rinnovamento.

Suor Catherine è stata un’altra suora Francescana del Rinnovamento che ha partecipato al pellegrinaggio e che, sebbene americana, serve la missione del CFR a Leeds. Dice di essersi emozionata all’esperienza del pellegrinaggio, "specialmente stando nella sala [dell’udienza] con il Santo Padre, insieme a così tanti giovani religiosi e giovani seminaristi, vedendo la speranza per il futuro".

Parlando della presenza "paterna " di Papa Francesco tra coloro che sono stati presenti all’udienza di sabato, suor Catherine ha detto: "Sento una quantità enorme di speranza in questa esperienza: fare esperienza della Chiesa in questo modo, essere qui, riuniti a Roma per questo evento... con il nostro Santo Padre, essere a casa con lui". "L'unità che sento che abbiamo vissuto e l'unità di cuore sono molto profonde". ha detto.

Uno dei pellegrini venuti dall’Inghilterra è Gregory Treloar, un giovane che si prepara ad entrare nel seminario della diocesi di Suffolk. Ha raccontato a ZENIT che, anche se voleva andare all’Università, avere una fidanzata e fare carriera, si è accorto che "le cose non sono andate nel modo che volevo. Avevo detto a me stesso per molto tempo che non sarei mai diventato un prete, che non ci avrei mai nemmeno pensato".

"Ero a una processione eucaristica e il prete mise la mano sulle mie spalle e disse: 'Penso che Dio ti chiami ad essere un sacerdote.' Le mie interiora tremavano. Non è stato nessuna sorta di segno divino, ma è stato il primo momento in cui ho pensato che dovevo davvero pensarci", ha spiegato.

Prendendo parte al ritiro vocazionale a Roma, ha detto che il pellegrinaggio "mette la Chiesa in un contesto. Si tratta di qualcosa che è stato nell’aria per molti, molti anni, e che riporta la grande fede che molte persone hanno avuto, e ti incoraggia quindi ad andare ed essere un buon fedele seminarista o sacerdote".

Gregory è stato raggiunto nel pellegrinaggio da sua sorella Jacinta, 17 anni, che sta anche lei pensando di entrare nella vita religiosa. "Una delle cose che preferisco della vita religiosa è che sei una sposa di Gesù", ha detto. "Si tratta di una delle grande benedizioni della vita religiosa. Gesù è davvero il tuo sposo, lui quasi t’indulge con massicce grazie spirituali e ti dà completamente se stesso".

"A me piace anche l’idea di mettersi un abito perché diventi come Maria", ha commentato. "La tua testa è avvolta – sei completamente coperto – e il tuo esterno fisico non importa tanto. Non metti indosso vestiti alla moda e moderni, e per questo ti attira a ciò che è la cosa più importante in questa vita: la tua anima spirituale e quanto bella la tua anima spirituale debba essere se vuoi piacere a Gesù".

Emma Findlay-Wilson, studentessa universitaria, ha fatto anche parte del gruppo di pellegrinaggio dall’Inghilterra, che è stato organizzato dall’iniziativa vocazionale Invocation. "Al di là della compagnia generale, mi piace stare con i Cattolici perché non succede molto spesso", ha detto descrivendo la sua esperienza. "Si fa l’amicizia così facilmente, e l’atmosfera da stare con così tanta gente e pregare, dire le stesse parole, è meraviglioso".

Il ritiro, ha detto, "mi ha reso più fiduciosa nella mia vocazione. Mi ha fatto sentire di più che conosco la volontà di Dio, che sono disposta ad ascoltarlo, che sono disposta a seguirlo. Abbiamo ascoltato più volte di come Pietro si alzò e seguì il Signore, e penso che abbiamo tutti la sensazione che ora lo possiamo fare anche noi".

Non tutti coloro che sono venuti a Roma per i weekend vocazionale, stanno attivamente cercando una vocazione, tuttavia alcuni hanno iniziato a prenderne in considerazione la possibilità nel corso del fine della settimana.

"Sapevo che riguardava le vocazioni, però non sono venuta per questo motivo all’inizio", ha detto Beth Lockett, anche lei studentessa universitaria. Tuttavia, Beth si è detta colpita dalla "enorme quantità di persone che sono realmente interessate alle vocazioni. Nel nostro paese abbiamo una carenza di sacerdoti ed è così bello vedere tutti questi giovani. Mi ha fatto prendere in considerazione questa ipotesi".

"Non pensavo affatto alla vita religiosa prima di venire qui," ha detto, "ma questi ultimi due giorni sono stati assai illuminanti e riflessivi. Mi hanno davvero fatto pensare a questo come una seria possibilità per il futuro, se questo è ciò che Dio vuole".