Una scuola per scoprire il Vero, il Bello e il Buono

Inaugurato a Roma il quinto Master in Architettura, Arti sacre e Liturgia

| 1367 hits

di Antonio Gaspari

ROMA, domenica, 13 novembre 2011 (ZENIT.org).- Venerdì mattina, 11 novembre, si é tenuto presso l'Università Europea di Roma - Pontificio Ateneo Regina Apostolorum l'Atto accademico d'inaugurazione della quinta Edizione del Master in Architettura, Arti sacre e Liturgia.

In rappresentanza della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, sotto il cui Patrocinio si svolge il Master, erano presenti il Vice-Presidente, l'Abate Michael John Zieliski, O.S.B.Oliv. ed il Sotto-Segretario, Mons. José Manuel Del Rio Carrasco, entrambi docenti. L'Abate Zieliski ha letto un Messaggio di augurio del Cardinale Mauro Piacenza, Prefetto della Congregazione per il Clero, il quale ideò il Master quando era Arcivescovo Presidente della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa.

L'Atto accademico ha visto il debutto, come nuovo Coordinatore, del Prof. Salvatore Vitiello, che subentra nell'incarico al Prof. Michael Lang.

Al nuovo Coordinatore il Messaggio del Cardinale Piacenza si é rivolto con queste espressioni: "Ringrazio altresì Lei, Prof. Salvatore Vitiello che, nonostante i molteplici impegni -accademici e non- ha accettato di assumere il Coordinamento dell’iniziativa. Sono certo che, anche per la Sua competenza, il Master proseguirà il proprio cammino nella continuità del fedele ascolto del Magistero Pontificio e nel necessario dialogo con tutte quelle realtà che, istituzionalmente ed accademicamente, si occupano dei medesimi temi".

Augurio che il nuovo Coordinatore ha mostrato di aver accolto e tradotto in pratica, sia attraverso la scelta del proprio Assistente, un Collaboratore dell'Ufficio liturgico della Conferenza episcopale italiana, sia con la Prolusione dell'Atto accademico, assegnata a Monsignor Massimo Palombella, Maestro della Cappella Musicale Pontificia Sistina.

Il Palombella ha introdotto il Master con una dotta Lezione sui fondamenti ontologici dell'Arte, con particolare riferimento alla Musica Sacra ed al ruolo che essa deve avere nell'azione liturgica. La lezione, in piena sintonia con gli intenti formativi del Master, ha entusiasmato i presenti ed il Coordinatore ha pubblicamente invitato il Maestro della Cappella Sistina a valutare la possibilità di una collaborazione stabile con il Corpo Docenti del Master.

Monsignor Palombella ha accolto con entusiasmo l'invito.

Il Master, a questo punto, avrà tra i propri docenti sia il Maestro delle Celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice, Monsignor Guido Marini, sia il Maestro della Cappella Musicale Pontificia.

Tutto porta a credere che, sempre più, questa esperienza formativa si ponga al servizio della giusta ermeneutica della continuità e della riforma, come indicato dal Santo Padre Benedetto XVI, in ordine alla corretta ricezione ed attuazione dei Testi del Concilio Ecumenico Vaticano II.

Questa nuova quinta edizione del Master ha già oltre 40 iscritti, tra Architetti, Artisti, Teologi, Storici e laureati in discipline attinenti ai Beni culturali, provenienti da 14 Regioni italiane e 6 differenti Nazioni di 3 Continenti: Europa, America ed Asia.

É il germe di un "nuovo popolo" che, unito agli oltre 140 Diplomati delle passate edizioni, rappresenta un'imprescindibile risorsa, come recita il Regolamento del Master, per lo sviluppo dell'Architettura, dell'Arte sacra e della Liturgia, "in ascolto del Magistero di Benedetto XVI".

Nel citato messaggio beneaugurante, infatti, si leggeva: "Il Master vuole essere più di una 'qualificata e qualificante esperienza accademica'. Il Master aspira a divenire una vera e propria 'scuola', nel senso medievale del termine, una 'compagnia' nella quale si possa fare esperienza della 'Compagnia della Chiesa' e della presenza del Signore, che guida le nostre esistenze, perché, anche nell’Architettura, nell’Arte Sacra e nella Liturgia, possa trasparire quella soprannaturale Communio che è lo scopo ultimo di ogni umano lavoro che diviene Opera".


Per ogni informazione: http://www.universitaeuropeadiroma.it/index.php?option=com_content&view=article&id=823&Itemid=96