Una “Settimana Santa” spagnola per la GMG di Madrid

Opere di valore inestimabile in processione all'Incontro dei Giovani

| 1255 hits

MADRID, martedì, 15 giugno 2010 (ZENIT.org).- L'Ultima Cena di Salzillo o il Cristo morto di Mena saranno alcune delle sculture, provenienti da tutta la Spagna, che potranno ammirare i partecipanti alla GMG di Madrid 2011.

Saranno portate in processione durante la solenne Via Crucis presieduta da Benedetto XVI prevista per il pomeriggio del 19 agosto 2011 nel Paseo de Recoletos della capitale spagnola.

L'iniziativa è stata presentata questo martedì mattina a Madrid dal Vescovo ausiliare, monsignor César Franco, insieme ai Fratelli delle Confraternite delle statue selezionate per l'occasione.

Si tratta di antichi gruppi scultorei che rappresentano scene della Passione di Cristo e vengono portati in processione durante la Settimana Santa per le vie delle città spagnole tra il fervore popolare.

Dieci di questi, provenienti da Madrid, Cuenca, Málaga, León, Valladolid, Murcia, Granada, Zamora, Jerez (Cadice) e Orihuela (Alicante), arriveranno a Madrid per l'evento di fede e festa dei giovani.

Questa iniziativa “straordinaria e coraggiosa”, secondo Rafael Cebrián, fratello della Confraternita Nuestro Padre Jesús Nazareno di Murcia, vuole “avvicinare i giovani alla fede attraverso la bellezza”, ricordano gli organizzatori.

“Tutte le sculture sono state realizzate a scopo catechetico, mostrando varie scene della Passione; porteremo avanti la missione per la quale sono state costruite, per far vedere la Passione ai giovani del mondo”, ha aggiunto Cebrián.

Javier Cremades, responsabile degli atti centrali della GMG, ha spiegato che si vogliono “rappresentare le migliaia di processioni che avvengono in tutto il territorio spagnolo”.

Cremades ha anche sottolineato che “non si tratta di una collezione di opere d'arte esposta al pubblico, ma di poter pregare davanti a tesori della religiosità popolare spagnola”.