Unioni civili: un piano "espressamente anti-famiglia"

Il Forum delle Associazioni Familiari ribadisce la sua contrarietà al disegno di legge su cui domani riprende il dibattito alla Commissione Giustizia del Senato

Roma, (Zenit.org) Redazione | 452 hits

In Commissione Giustizia del Senato domani riprenderà il dibattito sulla regolamentazione delle unioni di fatto partendo dal testo base, predisposto dalla relatrice, Monica Cirinnà.

«La cosa più grave è che in questo testo si equipara giuridicamente la convivenza, etero o omo che sia, alla famiglia fondata sul matrimonio», ha commentato Francesco Belletti, presidente del Forum delle Associazioni Familiari.

«Si tradisce così la Costituzione che distingue il matrimonio tra uomo e donna dalle altre forme di unione affettiva. Perfino in materia di successione e di reversibilità della pensione non ci saranno più differenze. È evidente che lo scopo principale è quello di destrutturare l’istituto del matrimonio», ha aggiunto il presidente del Forum.

«Ma le perle di questa proposta non finiscono mai: si potrà addirittura stipulare un patto di convivenza appena dopo la separazione tra i coniugi, molto prima del divorzio; basterà un patto di convivenza per ottenere la residenza per un straniero; si potrà adottare il figlio del convivente e varrà la regola della presunzione di concepimento, anche tra persone dello stesso sesso; viene introdotto l’obbligo di versare gli alimenti al convivente».

«Un testo espressamente anti-famiglia che va ben oltre l’intervento sul riconoscimento di alcuni diritti individuali ai componenti delle convivenze e che in questo procedere a mo’ di bulldozer trascura la tutela dei più piccoli e deboli», ha quindi concluso Belletti.