"Venti di pace per le famiglie della Siria"

Pontificio Consiglio per la Famiglia e Caritas Italiana per la prima volta, il 18 e 19 gennaio, nei campi di calcio con Lega Calcio Serie A

Citta' del Vaticano, (Zenit.org) Redazione | 386 hits

Mancano pochi giorni al 22 gennaio, data che segna l’inizio di una nuova sessione di negoziati sulla Siria in quel di Ginevra. Nel discorso di lunedì 13 gennaio, Papa Francesco ha commentato questo evento, sottolineando che “occorre ora una rinnovata volontà politica comune per porre fine al conflitto”, ha dunque auspicato che tale Conferenza “segni l’inizio del desiderato cammino di pacificazione”, aggiungendo poi che è “imprescindibile il pieno rispetto del diritto umanitario” e “non si può accettare che venga colpita la popolazione civile inerme, soprattutto i bambini”.

Il Santo Padre ha anche esortato tutti “a favorire e a garantire, in ogni modo possibile, la necessaria e urgente assistenza di gran parte della popolazione, senza dimenticare l’encomiabile sforzo di quei Paesi, soprattutto il Libano e la Giordania, che con generosità hanno accolto nel proprio territorio i numerosi profughi siriani”.

L’appello del Papa è raccolto e rilanciato dal Pontificio Consiglio per la Famiglia e Caritas Italia. Testimonianza in tal senso è stata l’iniziativa “Le famiglie del mondo per le famiglie della Siria”, che il Pontificio Consiglio per la Famiglia in collaborazione con Caritas Italia aveva lanciato in occasione del Pellegrinaggio mondiale delle Famiglie alla Tomba di San Pietro (26 e 27 ottobre 2013). Il progetto, che ha la durata di un anno, prevede la fornitura di aiuti umanitari alle famiglie siriane in difficoltà, e prioritariamente con bambini; la realizzazione di alloggi temporanei per le famiglie sfollate; l’assistenza medico‐sanitaria a malati, bambini e anziani. I beneficiari del progetto sono circa 5.400 famiglie siriane (oltre 20.000 persone).

L’iniziativa avrà un’eco importante il prossimo fine settimana, negli stadi di dieci squadre della Serie A. La Lega Calcio Serie A, infatti, ha deciso di esporre al centro dei campi uno striscione con la scritta “Venti di pace per le famiglie della Siria” e, in contemporanea  sui maxischermi, sarà trasmesso uno spot  di Federico Fazzuoli e Elisa Greco  con immagini dei campi profughi  libanesi.

Un chiaro segnale di come eventi quotidiani possono trasformare i venti di guerra in "venti di pace".