Verso una risoluzione il contenzioso sul monastero di Dajla

Se ne è parlato nel corso dell'incontro in Vaticano tra Benedetto XVI e il premier croato

| 781 hits

CITTA’ DEL VATICANO, lunedì, 29 ottobre 2012 (ZENIT.org) – Si è tenuta in mattinata la visita in Vaticano del Primo Ministro della Repubblica di Croazia, Zoran Milanović.

Il premier croato è stato ricevuto da papa Benedetto XVI; in seguito ha incontrato il cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato Vaticano, accompagnato dal Segretario dei Rapporti con gli Stati, monsignor Dominique Mamberti.

La Sala Stampa della Santa Sede ha riferito in un comunicato di “cordiali colloqui” tra il Santo Padre e il capo del governo croato, durante i quali si è avuto “un fruttuoso scambio di opinioni sulle sfide che il Paese deve affrontare nell’attuale crisi economica, come pure sui temi di comune interesse nel quadro dei rapporti bilaterali”.

Si è anche discusso della Conferenza promossa in occasione del 20° anniversario dei rapporti diplomatici, in corso oggi pomeriggio.

Per quanto concerne il “noto caso” del monastero istriano di Dajla, per il quale è in corso da tempo un contenzioso tra Chiesa croata e governo di Zagabria, “le due Parti hanno concordato di risolvere la questione il più presto possibile, nello spirito della tradizionale amicizia fra la Santa Sede e la Repubblica di Croazia”.

Il Santo Padre ha infine rinnovato l’appoggio della Santa Sede alle “legittime aspirazioni della Croazia alla piena integrazione europea” e, assieme al primo ministro croato, si è soffermato “sulla congiuntura regionale, con uno speciale riferimento alla situazione dei Croati nella Bosnia ed Erzegovina”.