Vescovi spagnoli preoccupati per la libertà religiosa, la vita, la famiglia e l’educazione

| 1123 hits

MADRID, domenica 9 maggio 2004 (ZENIT.org-Veritas).- I vescovi spagnoli hanno manifestato la loro preoccupazione per la libertà religiosa, il rispetto della vita umana, la famiglia e il diritto all’educazione.



Tale il contenuto di un comunicato, letto lo scorso venerdì 7 maggio, al termine dell’Assemblea Plenaria, dal Segretario Generale della Conferenza Episcopale Spagnola, Juan Antonio Camino, nel corso di una conferenza stampa.

I prelati hanno manifestato “la loro preoccupazione di fronte ad importanti argomenti come quello della libertà religiosa, del rispetto della vita umana in ogni sua fase, del matrimonio e della famiglia, e del diritto all’educazione, incluso l’insegnamento della religione nelle scuole”.

“Le istituzioni dello Stato democratico, attraverso le quali si esprime la sovranità popolare, sono le uniche legittimate a stabilire le norme giuridiche di convivenza sociale”, hanno ricordato.

“Confidiamo nello Stato democratico che rispetta i diritti fondamentali delle persone. Esprimiamo la nostra volontà a cooperare lealmente al bene comune, nell’ambito delle nostre diocesi e attraverso gli organi della Conferenza Episcopale, incaricati di mantenere i rapporti con le autorità statali”.

“In ragione del suo servizio al Vangelo e al bene comune, la Chiesa continuerà a proporre la sua dottrina relativa a queste materie, che sono oggetto della sua preoccupazione – aggiunge il comunicato –. Al contempo, i Vescovi incoraggiano i laici ad assumersi le responsabilità proprie del loro impegno, sia individualmente che collettivamente, perché la società si conformi al piano di Dio e alla verità dell’uomo”.

“Rivolgiamo a tutti i cattolici un appello a confidare nella forza del Vangelo e nell’efficacia della ‘dolcezza e della carità’, nel percorrere il cammino della nuova evangelizzazione che ci propone il Papa. Sappiamo che la speranza cristiana, fondata in Gesù Cristo risorto, è più forte di ogni cosa, finanche della morte; è la speranza che ci rende costruttori di pace”.

Uno dei temi più importanti, toccati durante l’Assemblea Plenaria, è stato quello dell’approvazione delle modifiche ad alcuni articoli dello Statuto della Conferenza Episcopale, che rendono possibile la creazione, all’interno della Chiesa cattolica in Spagna, di Regioni ecclesiastiche. Queste modifiche saranno inviate alla Santa Sede per la loro ratifica.

I vescovi spagnoli hanno inoltre trattato “questioni relative alla scuola cattolica e all’insegnamento della religione nelle scuole”, argomenti che “hanno suscitato il vivo interesse e lo zelo pastorale dei vescovi”.

È possibile consultare il “Comunicato stampa finale dell’Assemblea Plenaria della Conferenza Episcopale Spagnola” sul sito Internet: http://www.conferenciaepiscopal.es