Vicina la soglia delle 500.000 firme per "Uno di noi"

Anche le Chiese ortodosse, luterane evangeliche partecipano alla campagna di raccolta firme

Roma, (Zenit.org) Elisabetta Pittino | 695 hits

“Uno per tutti e tutti per Uno di Noi”…. ma che è? Ci speravo che saremmo arrivati al mezzo milione entro questa settimana e invece … la festa del primo mezzo milione la dobbiamo rimandare!

Le firme al primo giugno 2013 sono 497.883. Non sono da buttare via, anzi, ci siamo quasi.

Puntavamo al mezzo milione, perché a quel punto basterà che ognuno dei firmatari faccia firmare un amico, un parente, un conoscente per raddoppiare e arrivare alla soglia del milione di firme.

La crescita di questa settimana è stata inferiore rispetto alle aspettative, però in un giorno solo, tra il 29 e il 30 di maggio, sono state raccolte 10mila firme. Niente male….

La Francia è la nazione che ha il maggiore incremento giornaliero, seguita da Italia e Spagna.

I coordinatori nazionali, in particolare quelli di Italia e Spagna, dicono che le firme raccolte sul modulo cartaceo sono davvero tante e fanno ben sperare.

Al traguardo del minimo necessario stanno per arrivare altri 3 paesi: Olanda 96,55%, Lituania 91,16%, Spagna 89,21%. Sono già 5 i paesi che non solo hanno raggiunto il minimo, ma lo hanno raddoppiato e triplicato: Austria, Italia, Polonia, Slovacchia, Ungheria.

Crescono i consensi. Michael van der Mast, Coordinatore Olandese dell’Iniziativa, ha comunicato che la Chiesa Cattolica Olandese ha dato il suo sostegno ufficiale all’Iniziativa, e da ora in poi affiancherà la chiesa protestante che fin dall’Inizio sta sostenendo Uno di Noi.

A Cipro il sostegno ufficiale a Uno di Noi viene dalla Chiesta Cattolica Maronita e dalla Chiesa Ortodossa.

L’interesse, l’impegno e l’unità da parte delle Chiese cristiane, che di solito non sostengono questo genere di iniziative, sono già un risultato sorprendente, che va ad aggiungersi a quello dell’unità dei diversi movimenti pro vita presenti nelle nazioni d’Europa

Inoltre a partire dal 10 di luglio la Croazia entrerà a fare parte della Unione Europea.

Da quella data anche i croati potranno cominciare a essere Uno per tutti e tutti per Uno di Noi, cioè a firmare. Nel frattempo i membri di alcune associazioni pro famiglia croate hanno cominciato i lavori per la diffusione di questa battaglia culturale europea.

L’Europa è in fermento.

Italia, Polonia, Ungheria, Spagna , Francia, Austria, Olanda, Slovacchia, Germania e Lituania sono i primi 10 in classifica. Lussemburgo e Irlanda mantengono l’incremento, Malta pur essendo agli ultimi posti, raddoppia le firme della settimana scorsa.

Sul sito europeo www.oneofus.eu è possibile trovare i coordinatori dei singoli paesi.

Puoi firmare Uno di Noi on line sul sito www.oneofus.eu, per l’Italia anche sul sito www.unodinoi.mpv.org, oppure sul modulo cartaceo, scaricabile sempre dai siti indicati entro il 1 novembre 2013.

I moduli cartacei compilati vanno inviati (meglio se con raccomandata con ricevuta di ritorno) per posta al coordinatore Nazionale che per l’Italia è Michele Trotta, presso la Segreteria Nazionale del MPV italiano in Lungotevere dei Vallati n. 2, 00186- Roma, tel. 0668301121.

Se non puoi firmare oppure hai gia’ firmato puoi diffondere l’Iniziativa e fare firmare altri; oppure e’’ possibile sostenere Economicamente Uno di Noi facendo una donazione a Fondazione VITA NOVA Onlus Lungo Tevere dei Vallati 2 - 00186 ROMA (Italy), C.F. 07729580584 (http://www.fondazionevitanova.it/donazioni.php) IBAN: IT27H0200812809000102278000, BIC: UNCRITM1OP8, Causale: One of Us.

Uno di Noi è su Twitter https://twitter.com/oneofuseu, Facebook https://www.facebook.com/oneofuseurope,:

https://ec.europa.eu/citizens-initiative/ECI-2012-000005/public/signup.do